Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Riccardo Colturi - Poesias

Paese abbandonato

Paî abandounà

"Moun paî, ma lëngo e ma gen - Il mio paese, la mia lingua e la mia gente" - Poesie in lingua occitana di Riccardo Colturi

italiano

Era un paese ben abitato,

gente tranquilla che lavorava;

lì, dove vi erano una volta le case,

ora vi sono sola dei mucchi

di pietre, travi e cespugli.

Le strade non si vedono più,

tutto è trascurato, abbandonato,

terra di lucertole, ramarri e vipere,

vi è ancora la chiesa con la croce

che gli fa ancora un po' onore.

Tutto questo fa pensare

perché quella gente se n'è andata,

da quel paese in mezzo alla natura

con quell'acqua fresca e pura,

la vita era forse troppo dura!

Per fare la spesa bisognava correre,

tutto a piedi bisognava andare

per prendere quel poco d'olio e sale,

tutto il resto a casa si faceva

con quel poco che la terra dava.

È arrivato dicono il progresso

e in città tutti sono andati,

per quei quattro soldi facili da guadagnare,

la loro casa, la terra hanno lasciato,

ma nel loro cuore tutto è rimasto.

Ora i tempi sono cambiati,

i soldi sono duri da guadagnare,

ma nel paese non si può più ritornare,

quelle case sono dei mucchi di pietre,

sono giù tutte in rovina.

occitan

L'èŕo un paî bien abità,

gen tranquillo qui travalhavo;

iquì, ountë lh'avìo un cò lâ meizoun,

veuiŕo la lh'à pluqquë dë baŕoun

dë peiŕa, tràou e boueisoun.

Lâ via së veian pamai,

tout i dileisà, abandounà,

tero dë gramuza, lazerë e sarpasa,

la lh'à ëncâ la gleizo abou la croû

quë së fai ëncâ un paou ounoû.

Tout iquen la fai pënsâ,

parqué quëllë gen së nan soun nanà,

da qué paî ou bamei dë la natuŕo

abou quëllë aigo frësco e puŕo,

la vitto èŕo mëntùe trô duŕo!


Par fâ la speizo la vëntavo troutâ,

tout a pé la vëntavo anâ,

par prënnë qué paou d'euŕi e sâ,

toû la resto a meizoun së fazìo,

abou qué paou quë la tero dounavo.


L'î aribà i dizan lë prougré

e din lâ villa tous soun anâ,

par quëllou catrë sòou fasillou a ganhâ,

lor meizoun, la tero an leisà,

me din lor queur tout î rëstà.

Veuiŕo lou ten i soun cinjâ,

lou sòou soun duŕou a ganhâ,

me din lë paî la së pô pâ tournâ,

quëlâ meizoun soun dë clapìe,

lâ sounz aval tout an mourgìe.