Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Riccardo Colturi - Poesias

Passeggiata

Proumënaddo

"Moun paî, ma lëngo e ma gen - Il mio paese, la mia lingua e la mia gente" - Poesie in lingua occitana di Riccardo Colturi

italiano

Era una bella giornata,

il giorno dell'Immacolata,

prendo la strada che porta a Cloqueiŕà,

piano, piano,

sedendomi a guardare.

Ci sono molte macchine

che vanno su e giù,

sono turisti che vanno a sciare,

o anche solo a passeggiare,

visto che giù neve non ce n'è.

Da questo ora dipendiamo,

ci portano il lavoro

anche se con molto spreco.

I mostri antenati, una volta,

da questo non dipendevano,

anche se il pane era duro da guadagnare.

Tutti quei bei terreni

ben lavoravano,

con sudore e volontà,

campi d'orzo, frumento e segale,

ora tutto abbandonato.

I muri, una volta ben tenuti,

ora sono tutti giù,

è una desolazione,

me ne ritorno a casa

con il cuore pieno di magone.

occitan

L'èŕo un bèllë journà,

lë joû dë Notrë Dammo douz Aven,

a prënnou la vio quë porto a Cloqueiŕà,

dousamen, dousamen,

an m'arstan a argardâ.

La lh'à un baŕoun dë machina

quë van ’moû e ’vâ

l'î dë touristë quë van s'igarusâ,

o anque maquë a proumnâ,

vî quë dë neo avâ nh'à pâ.

Da iquen veuiŕo nou dipënden,

i nou portan lë travalhë

anque si abou un baŕoun dë dëgalhë.

Notrou vellhou, un cò,

d'iquen i dipëndian pâ,

anque si lë pan èŕo dû da ganhâ.


Toutta quëlâ bèlla tera

bien i travalhavan,

abou siòou e vouŕountà,

chan d'eurgë, froumen e blà,

veuiŕo l'î tout abandounà.


Lâ muŕallha, un cò bien tëngùa,

veuiŕo soun toutta avâ,

l'îz unë dëzoulasioun;

a më nan tornou a meizoun

abou lë queur plen dë magoun.