Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Riccardo Colturi - Poesias

Prima neve

Proumieŕë neo

"Moun paî, ma lëngo e ma gen - Il mio paese, la mia lingua e la mia gente" - Poesie in lingua occitana di Riccardo Colturi

italiano

Una volta, quando la nostra campagna era lavorata,

un vecchio proverbio diceva:

che il Buon Dio ci risparmi

dalla neve novembrina

e, a maggio, dalla brina.

Ora che tutto è cambiato,

tutto si basa sugli sci,

non è mai troppo presto quando viene.

Tutti aspettano quel momento,

di vederla cadere come la crusca.

Cercano di farne,

ma bisogna riuscirci.

Poi non è la stessa neve

di quella che viene dal cielo,

quella è come seta,

quella è proprio neve.

occitan

Un cò, can notro campannho èŕo travalhà,

un vieù prouverbë ou dizìo:

quë lë Boundìo nou prëzervë

da la neo nouvëmbrino

e ou mei dë mai da la brino.


Veuiŕo, quë tout a cinjà,

tout së bazo sû lou sî,

l'î jamai proù vittë can i ven.


Touttou atëndan qué moumen,

dë la veiŕë ceiŕë coumà dë bren.

I cerchan dë nan fâ,

ma la vënto lh'aribâ.


Peui l'î pâ la meimë neo

dë quëllo quë ven dou sê,

quëllo i l'î coumà dë seo,

quëllo l'î proppi dë neo.