Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Riccardo Colturi - Poesias

Progresso (1)

Prougré (1)

"Moun paî, ma lëngo e ma gen - Il mio paese, la mia lingua e la mia gente" - Poesie in lingua occitana di Riccardo Colturi

italiano

Se i vecchi ritornassero indietro,

se quella gente potesse vedere

il cambiamento che c'è stato,

i loro terreni, tutti perduti,

le loro case ben aggiustate,

senza le bestie ad abitarle.

La televisione con le sue immagini,

che fa tutto quel rumore,

non so cosa direbbero,

non so cosa ne penserebbero.

Non so se riuscirebbero ad abituarsi

alla nostra vita di gente disordinata

che abbandona tutto il terreno,

senza fare finta di niente.

occitan

Si lou vellhou tournëssan areiŕë,

si quëllë gen pougëssë veiŕë

lë cinjamen quë la lh'à agù,

lora tera, tout foutù,

lora meizoun bien arënjâ,

senso lâ bestia a laz abitâ.


La televizioun abou soûz imaggë,

quë fai tout qué ravaggë,

a sabbou pâ s'qui diŕian,

a sabbou pâ s'qui nan pënsaŕian.

A sòou pâ si lh'aribbaŕian a supourtâ

notrë vitto dë gen dizourdinâ,

quë abandouno tout lë taren,

sënso fâ sëmblan da ren.