Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Riccardo Colturi - Poesias

Ragazzino

Meinâ

"Moun paî, ma lëngo e ma gen - Il mio paese, la mia lingua e la mia gente" - Poesie in lingua occitana di Riccardo Colturi

italiano

Tu che salti per le strade

senza fastidi, in libertà,

giochi tutto contento

guardando da una parte e dall'altra

con gran curiosità.

Tutta la vita hai davanti,

ma tu non ci pensi,

pensi solo a giocare,

e fai bene!

La gioventù passa in fretta,

non dura niente.

Guardandoti mi commuovo,

in me si svegliano i ricordi

di quelle belle giornate

di quando ero anch'io bambino.

Tutto era facile, niente a cui pensare;

il cuore mi si riempie

di bei ricordi,

peccato che non ritorni più.

occitan

Quë tu saouta par lâ via

sënsë fastudi, an libartà,

tu t'amuza tou counten

an argardan d'un caiŕë e l'aoutrë

abou gran cuŕiouzità.


Touttë la vitto tu l'à dran

me tu tu lhi pënsa pâ,

tu pënsa maquë a t'amuzâ,

tu fâ bien!

La joneso i pasë vittë,

i duŕë paren.

An t'argardan a më coumovou,

din mi s'arvellhan lou souvënî

dë quëlâ bèlla journâ

dë can èŕou mai mi meinâ.

Tout èŕ fasillë, paren a pënsâ;

lë queur më së ramplî

dë bèllou souvënî,

pëchà quë la tornë pamai.