Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Riccardo Colturi - Poesias

Ricordi

Souvënî

"Moun paî, ma lëngo e ma gen - Il mio paese, la mia lingua e la mia gente" - Poesie in lingua occitana di Riccardo Colturi

italiano

Apro quel cassetto,

ne traggo un pacchetto,

sono fotografie,

non sono tutte mie.

Ce ne sono del nostro matrimonio,

proprio una bella età,

ce ne sono dei bambini

sia da piccoli che da più grandi.

Che bei momenti

eravamo tutti assieme,

ve ne sono anche in viaggio,

che bei passaggi.

Sono tutti momenti contenti

con i nostri parenti,

ci sono i tuoi fratelli e il mio

che sono già stati presi dal Buon Dio.

Che bei tempi che sono passati,

rimane solo più il pensiero,

guardo quelle immagini

e penso a tutti quei passaggi

che la vita ci ha dato:

ricordi! ricordi! ricordi!!!

occitan

A ébrou qué tiŕët

a nan sortou un paquet,

l'î dë fotografia,

lâ soun pâ toutta mia.


La nh'à dë notrë maŕiaggë,

proppi un bèl iaggë,

la nh'à dë louz anfan

sie da pëcittou quë da plû gran.


Quë bèllou moumen

nou l’èŕan tous ansen,

la nh'à mai an vouiaggë,

quë bèllou pasaggë.

L'î tout dë moumen counten

abou notrou paŕën,

la lh'à toû fraiŕë e lë mio

qui soun jò ità preizou dou Boundìo.

Quë bèllou ten qui soun pasâ,

la resto pluqquë a lhi pënsâ,

argardou quëllouz imaggë,

a pënsou a touttou quëllou pasaggë

quë la vitto nouz à dounà:

souvënî! souvënî! souvënî!!!