Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Riccardo Colturi - Poesias

Ricordi

Souvënî

"Moun paî, ma lëngo e ma gen - Il mio paese, la mia lingua e la mia gente" - Poesie in lingua occitana di Riccardo Colturi

italiano

Quando adesso, che sono quasi alla fine,

mi fermo e penso indietro:

tutto piccolo in quei campi

che erano pieni di bel grano,

spighe in terra da raccoglere,

per poter fare il pane.

Prati ben tagliati e rastrellati,

quante cose che non ci sono più.

Adesso nella vita del gran progresso

tutto questo è abbandonato.

Si pensa di vivere meglio,

ma per me quel tempo passato

è un bel ricordo, non dimenticato!

occitan

Can veuiŕo, qu'a siòou cazi ou caiŕë,

a ma restou e a pënsou areiŕë:

tout pëcit din quëllou chan

quë èŕan pleinou dë bè gran,

éipia ou sô arbatâ,

par lë pan pougueiŕë fâ.

Prâ bien séa e mai ratlâ,

câ dë choza quë veuiŕo lhi soun pâ.

Veuiŕo din la vitto dou gran prougré

tout iquen l'îz an dësé.

La së pënso dë viòouŕë mëlhë,

me par mi qué ten pasà

l'îz un bè souvënî, pâ isublià!