Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Riccardo Colturi - Poesias

Riposo

Arpàou

"Moun paî, ma lëngo e ma gen - Il mio paese, la mia lingua e la mia gente" - Poesie in lingua occitana di Riccardo Colturi

italiano

Spinta dal vento di sotto,

la Lombarda viene su,

carica di umidità,

è la fine dell'estate.

Le piante si spogliano,

perdono i loro colori

tutto è diventato brullo.

Si aspetta la neve

che tutto coprirà

e farà ritornare bello.

È l'autunno che avanza,

pian piano con costanza,

arriverà la stagione morta,

l'inverno è alla porta.

Arriverà la neve,

che tutto coprirà

piante campi e prati

e tutto farà riposare.

occitan

Pousà da l'er davallë

la Loumbardo ven amoû

charjà d'umidità,

l'î la fin dë l'ità.


Lâ planta së dibilhan

perdan lora couŕoû

tout i vëngù roû.

La s'aten la neo

quë tout acouataŕè

e i feiŕè tournâ bè.


L'î l'outeun quë s'avanso,

tou dousamen abou coustanso,

l'aribaŕè la sazoun morto,

l'ivêr îz a la porto.


L'aribaŕè la neo,

quë tout acouataŕè,

planta chan e prâ,

e tout feiŕè arpoouzâ.