Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Riccardo Colturi - Poesias

Santa Lucia

Sënto Lusìo

"Moun paî, ma lëngo e ma gen - Il mio paese, la mia lingua e la mia gente" - Poesie in lingua occitana di Riccardo Colturi

italiano

Quattro case in mezzo alla natura

centro della nostra lingua, nostra cultura,

paese piccolo con un gran cuore

che si dedica al suo passato con amore.

Paese che non vuol dimenticare cosa è stata

la vita di quella gente sulla montagna abbarbicata,

vita dura che li ha fatti scappare

per un pezzo di pane poter mangiare.

Gente che è sempre stata dimenticata

e molte volte anche disprezzata,

tenete duro nel vostro piccolo paese,

non lasciatelo morire!

È stato fatto in troppi luoghi,

paesi abbandonati, ci manca solo più il fuoco,

per cancellarli dalla natura

che pian piano distrugge la nostra cultura.

Tenete duro, non lasciatevi fare,

un domani potrete vincere!

occitan

Catrë meizoun ou bamei dë la natuŕo

santrë dë notrë lëngo, notrë coultuŕo,

paî pëcit abou un gran queur

quë së dëdicco a soun pasà abou amour.

Paî quë vô pâ isublìa s'qu'îz ità

la vitto dë quëllë gen sû la mountannho abarbicà,

vitto duŕo quë louz à fai scapâ

par un toc dë pan pougueiŕë minjâ.

Gen qu'î tëjoû ita isublià

e bien dë còs mai meiprizà,

tëné dû din votrë pëcì paî,

leisalou pâ muŕî!

L'îz ità fai din trô dë lùo,

paî abandounà, la lhi vai pluqquë lë fùo

par lou cancëlâ da la natuŕo

quë pian pianot ditruî notrë cultuŕo.

Tëné dû leisàou pâ fâ,

un dëman ou poueiŕé ganhâ!