Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Riccardo Colturi - Poesias

Stagioni

Sazoun

"Moun paî, ma lëngo e ma gen - Il mio paese, la mia lingua e la mia gente" - Poesie in lingua occitana di Riccardo Colturi

italiano

Le piante son fiorite,

il prato pieno di colori,

le rondini son ritornate,

la primavera è arrivata.

È arrivato il caldo,

le piante hanno perso i fiori,

l'erba si è ben allungata,

l'estate è arrivata.

Le foglie van cadendo,

i frutti maturano bene,

le rondini se ne vanno,

l'autunno è arrivato.

Arriva adesso il freddo,

le foglie non ci sono più,

la bianca neve tutto ha coperto,

l'inverno è arrivato.

Anche l'uomo ha la sua primavera,

dove tutto s'impara

e si diviene sapienti

e non vi sono fastidi per niente.

Poi arriva la sua estate,

dove fa molto lavoro,

si fa la sua famiglia

e la sua posizione.

Arriva poi l'autunno,

dove il tempo scorre in fretta,

le forze cominciano a mancare

e la testa comincia a girare.

Ora aspetta l'inverno,

dove tutto è finito

e si aspetta la primavera,

la primavera dell'universo.

occitan

Lâ planta soun fluŕìa,

lë prà plen dë couŕoû,

laz iŕoundèlla soun tournà,

la primmo îz aribà.


L'îz aribà la chaŕoû,

la planta an pardù lâ floû,

l'èrbo s'î bien alounjà,

l'ità îz aribà.

Lâ feullha van an chaién,

lou frouissë meuiŕan bien,

laz iŕoundèlla së nan van

l'outeun îz aribà.

L’aribbo veuiŕo la frei,

lâ feullha lhi soun pamai,

la blancho neo tout î l'à acouatà,

l'ivêr îz aribà.

Mai l'omme ou l'à sa primmo,

ountë tout s'apren

e ou ven saven

e la lh'à pâ dë fastudi par aren.


Peui l'aribbo soun ità,

ountë ou fai bien dë travà

ou së fai sa famillho

e sa pouzisioun.

L’aribbo peui l'outeun,

ountë lë ten cour vittë,

lâ forsa coumënsan a mancâ

e la teto coumënso a viŕâ.


Veuiŕo ou l'aten l'ivêr,

ountë tout i fënì

e la s'atën la primmo,

la primmo dë l'ounivêr.