Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Riccardo Colturi - Poesias

Vecchi muri

Vellha muŕallha

"Moun paî, ma lëngo e ma gen - Il mio paese, la mia lingua e la mia gente" - Poesie in lingua occitana di Riccardo Colturi

italiano

Quei viottoli che passavano

fra una casa e l'altra

che da giovani facevamo,

giocando a nascondino,

o anche solo per spostarsi.

Pietre, legno e ortiche hanno tutto tappato.

I mori delle vecchie case:

tutti giù!

Muri che hanno visto il fuoco,

guerre e alluvioni.

Muri che hanno riparato molte generazioni

del tempo che è passato.

Muri che hanno centinaia

o forse migliaia d'anni,

solidi, in pietra, ben fatti,

ora senza manutenzione: demoliti!

Un disastro a causa dell'abbandono

della popolazione

che ha dovuto andare via per poter mangiare.

Qui, il pane troppo duro da guadagnare.

È andata via con il cuore pieno di magone;

lasciare i propri terreni, le proprie case

per andare in un paese straniero,

non più vedere le proprie belle montagne

e pensando di lasciare tutto in abbandono.

occitan

Quëlaz aruëtta quë pasavan

tra un meizoun e l'aoutro,

quë da jouvë nou fazìan,

an jouen a laz icoundallha,

o anque maquë par së spoustâ.

Peiŕa bô e eurtia an tou bouchà.

Lâ muŕallha dë lâ vellha meizoun:

toutta avâ!

Muŕallha qu'an vî lë fùo,

dë guera e d'aluvioun.

Muŕallha qu'an abrità bien dë gënëŕasioun

dou ten qu'ou l'à pasà.

Muŕallha qu'an dë sëntanhìe

o mëntue dë milhìe d'an,

solidda, an peiŕo, bien faita,

veuiŕo sënso antrëtien: difaita!

Un dëzastrë caouzo a l'abandoun

dë la poupoulasioun,

qu'î l'à dëgù anâ vio par pougueiŕë minjâ.

Isì lë pan trô dû da ganhâ.


I l'î anà vio abou lë queur plen dë magoun,

leisâ lora tera, lor meizoun,

par anâ dins un paî itrangìe,

pamai veiŕë lora bèlla mountannha

e an pënsan qui leisavan tout a l'abandoun.