Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Riccardo Colturi - Poesias

Vecchie cose

Vellha choza

"Moun paî, ma lëngo e ma gen - Il mio paese, la mia lingua e la mia gente" - Poesie in lingua occitana di Riccardo Colturi

italiano

Laggiù su quel forno

che abbiamo aggiustato,

con amore e volontà,

e molte cose vecchie messo

per creare una piccola collezione.

Molta gente viene a visitarla

e molte cose le fa ricordare;

quando escono sono contenti,

gli sembra di essere ritornati

a quei tempi che son passati;

anche loro usavano quelle cose.

Vi è qualcuno più interessato

che di quelle cose niente sa,

ma chiede e s'interessa,

tutto quelle cose a cosa servivano

e, contento di averlo imparato,

se ne esce tutto soddisfatto.

Di questo m'interesso io,

con amore e soddisfazione

per aver salvato un pezzo

di quelle cose che fanno la storia

delle nostre montagne

oramai in miseria.

occitan

Idavâ sû qué four

quë nouz aven arënjà,

abou amour e vouŕountà,

e bien dë choza vellha bëtà

un pëcitto coulësioun nouz aven creà.

Bien dë gen venan la vizitâ

e bien dë choza lou fai raplâ;

can i sortan i soun counten,

la lou sëmblo d'essë tournâ

a quëllou ten quë soun pasâ,

can mai iëllou dë quëlâ choza i s'ansarvian.

La lh'à cocun plû antëŕësà,

quë dë quëlâ choza paren ou sà,

me ou dëmando, ou s'antëŕeso,

tout iquen queiquë la sarvìo

e counten dëz agueiŕë aprì

ou së nan sor tou soudisfai.

Dë quëllë chozë iquì a m'antëŕesou mi

abou amour e soudisfasioun,

par agueiŕë souvà un boucoun

dë quëlâ choza quë fan l'istouaŕo

dë notra mountannha

oramai an mizeŕo.