Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Riccardo Colturi - Poesias

Vecchio larice

Vieù blëtoun

"Moun paî, ma lëngo e ma gen - Il mio paese, la mia lingua e la mia gente" - Poesie in lingua occitana di Riccardo Colturi

italiano

Ben piantato nel pascolo,

sia i cacciatori sia i pastori

conoscevano la tua posizione,

eri proprio un bel larice.

Albero dei tascapani ti aveva chiamato,

quella gente che tu hai riparato,

dalla pioggia e dal sole,

con i tuoi rami che facevano cappello.

Un tuono è arrivato

e la punta ti ha spaccato,

poi l’uomo ti ha tagliato;

ora non ci sei più,

proprio mi dispiace.

occitan

Bien plantà din lë paquìe,

sie chasòou quë bargìe

couneisian ta pouzisioun,

tu l’èŕa proppi un bê blëtoun.


Aoubrë dë lâ taca i t’avìan sounà

quëllë gen quë tû l'à abrità,

da la pleuio e dou souŕè,

abou tâ ramma quë fazìan chapè.


Un tarnoueiŕë îz aribà

e la pouento ou t'à iclapà,

peui l’ommë ou t'à talhà;

veuiŕo tu lhi siâ pamai,

proppi la më diplai.