Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Riccardo Colturi - Poesias

Voce della montagna

Vouà dë la Mountannho

"Moun paî, ma lëngo e ma gen - Il mio paese, la mia lingua e la mia gente" - Poesie in lingua occitana di Riccardo Colturi

italiano

Sbatti che sbatti,

fra le pietre della montagna,

l'acqua scende cantando

e va a bagnare prati e campi.

Il vento che arriva dai tuoi colli,

fischia in mezzo al bosco,

si nascondono gli scoiattoli,

l'aquila sul bosco in volo.

Il tempo vuol cambiare,

le cornacchie volano basse,

si posano sulle frasche

in cerca di cibo.

Il suono sordo della valanga

rimbomba nella vallata

bianca di neve.

È la voce dell'inverno.

La primavera più rumorosa,

l'acqua si fa sentir festosa

giù per salti e rocce,

gridano forte i corvi.

Il suono di un campanaccio

annuncia l'arrivo della pezzata

che se ne va al pascolo,

si muovono i formicai.

Bella voce della montagna

che cambia ogni stagione,

vi è sempre un altro suono.

È la voce della montagna.

occitan

Sacannho quë të sacannho

tra la peiŕa dë la mountannho,

l'aigo dësen an chantan

e i vai a banhâ prâ e chan.


L'aouŕo, quë aribbo da toû collë,

sibblo ou bamei dou bô,

s'itrëmman louz iciŕô,

l'aiglo sou bô i s'an vollë.

Le ten vô anâ cinjâ

la chàouia voŕan basa,

la së paouzan sû lâ casa

an charcho da machâ.

Lë soun sourë dë la lavancho,

arboumbo din la valeo

blancho dë neo,

l'î la vouà dë l'ivêr.

La primmo plû roumouŕouzo,

l'aigo së fai antëndë fëstouzo

avallë par roccha e sàou,

crean for lou courbàou.


Lë soun d'unë sounallho

anounso l'aribà dë la jallho

quë s'an vai ou paquìe,

boujan lou farmuzìe.

Bèllë vouà dë la mountannho,

quë cinjo chaquë sazoun,

i l'à tëjoû un aoutrë soun

la vouà dë la mountannho.