Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Riccardo Colturi - Poesias

Estate

Ità

"Moun paî, ma lëngo e ma gen - Il mio paese, la mia lingua e la mia gente" - Poesie in lingua occitana di Riccardo Colturi

italiano

Il mese di giugno è arrivato,

la natura è ben avviata,

il sole si fa bello caldo,

tutto cresce anche lassù,

però non è più come una volta,

quei campi ben lavorati,

hanno lasciato spazio ai cespugli.

Luglio non vedrà più,

tutti gialli quei campi,

gialli di biche di segale,

ma tutto un cespuglio,

di arbusti e prugnoli

che fanno sparire anche i mucchi di pietre.

Agosto i prati tagliati non ci sono più

ma e tutto in abbandono,

frassini, aceri e larici

hanno ripreso la loro vecchia posizione,

finirà per ridiventare una foresta

piena di piante fino al cielo.

occitan

Lë mei dë jouin îz aribà,

la natuŕo i bien avià,

lë souŕè së fai bien chaou,

tout pouso mai iquiàou;

però l'î pamai cumà un cò,

quëllou chan bien travalhâ

an leisà plaso a lâ boueisounâ.

Julhët veiŕè pamai,

tout jaounë qué gaŕai,

jaounë dë jarbìe dë blà,

me tout unë boueisounà,

dë boueisoun e agreinìe

quë fan dispaŕeisë mai lou clapìe.

Quëllou prâ séa lhi soun pamai

Me l'î tout an dëgalhë,

frais, plai e blëtoun

an arprei lor vellhë pouzisioun,

la fëniŕè quë la torno un fouŕê

plen dë planta dinqué ou sê.