Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Riccardo Colturi - Poesias

Luna

Luno

"Moun paî, ma lëngo e ma gen - Il mio paese, la mia lingua e la mia gente" - Poesie in lingua occitana di Riccardo Colturi

italiano

Che dal Fraiteve allo Chaberton,

tutte le sere fai il tuo viaggio

in mezzo all’universo,

pieno di stelle lassù in aria.

Dimmi un po’,

come si vede il mondo da lassù?

È molto cambiato.

Non ti fa un po’ paura

vedere tutto quel bagliore

della città illuminata?

Una volta eri tu

che davi un po’ di chiaro

per illuminare i passi

di chi si doveva muovere

e agli innamorati

che, al chiaro del tuo lumicino,

si promettevano amore eterno.

Oh, com'era bello!

occitan

Quë da Feitevrë a Chabartoun,

tou lou neui1 tu fâ toun vouiaggë

ou bamei dë l’ounivêr,

plen d’iteŕa iquiàou anlêr.


Dime un paou;

coumà së vê-le lë moundë d’iquiàou!

Ou l'à un baŕoun cinjà.

Të fai-lô pâ un paou poou

veiŕë touttë quello clartà,

dë la villo iluminà?

Un cò tu l’èŕa tu

a dounâ un paou dë joû

par icleiŕâ lou pâ

dë qui së dëvìo boujâ

e a louz inamouŕâ

quë, ou clâ dë toun barlummë,

i së proumëtian amour eternél.

Ô coumà l’èŕ bèl!

1A Fenis neui talvolta è sostantivo femminile, ma per lo più maschile.