Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Riccardo Colturi - Poesias

Paesaggio

Paisaggë

"Moun paî, ma lëngo e ma gen - Il mio paese, la mia lingua e la mia gente" - Poesie in lingua occitana di Riccardo Colturi

italiano

Tutti muri,

piccoli campi

che si lavoravano

una volta, tutto a mano.

Frumento e segale

crescevano bene

e di biche tante ve n'erano.

Ora tutto è trascurato, abbandonato

e di cespugli infestato.

Se i vecchi si svegliassero

e un disgusto così vedessero,

i loro campi così sudati, abbandonati,

gli farebbe proprio male.

Loro che la vita han passato

a fare tutti quei muri

e dissodare quei campi.

Molta fatica ci hanno messo,

ora vedere tutto abbandonato.

Questo è a causa del progresso,

della gran tecnologia.

Ma cosa lasceremo

a quella generazione

che dopo di noi verrà?

occitan

Tout dë muŕallha,

dë pëcittou chan,

quë së travalhavan

un cò, tout a man.

Dë froumen e dë blà

bien ou creisìo

e dë jarbìe bien nh'avìo.

Veuiŕo tout i dileisà, abandounà,

e dë boueisoun anfëstà.

Si lou vellhou s'arvilhëssan

e un dëgà paŕìe i viguëssan,

lorou chan si sùa, abandounà

la loû feiŕìo proppi mâ.


Iëllou quë la vitto i l'an pasà,

a fâ toutta quëlâ muŕallha,

e dijarpî quëlâ champallha.

Bien dë fatiggo i lh'an bëtà;

veuiŕo veiŕë tout abandounà.


Iquen l'î caouzo dou prougré,

dë la gran tecnologìo.

Me quei-lô quë nou leisaŕën,

a quëllo gënëŕasioun,

quë aprê n'zaoutrë vën?