Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Riccardo Colturi - Poesias

Parola

Paŕollo

"Moun paî, ma lëngo e ma gen - Il mio paese, la mia lingua e la mia gente" - Poesie in lingua occitana di Riccardo Colturi

italiano

Quante cose si possono dire

con il dono della parola,

belle, brutte, gioiose e tristi

si può far ridere e anche piangere.

Senza parola come si può fare,

a trasmettere, a comunicare

tutte le cose che si devono fare,

lasciare i ricordi

delle cose del paese,

quelle cose che si son fatte,

belle, brutte, tristi o allegre

del tempo che è passato.

occitan

Quë dë choza la së pô diŕë

abou lë doun dë la paŕollo,

bèlla, brutta, jouiouza e trista,

la së pô fâ riŕë e mai plouŕâ.

Sënso paŕollo, coumà la së pô fâ

a trazmëttë, a coumounicâ

toutta la choza quë la së diòou fâ,

leisâ lou souvënî

dë la choza dou paî,

quëlâ chosa quë së soun faita,

bella, brutta, trista ou alegra

dou ten qu'ou l'à pasà.