Portal d’Occitània    Cammino: L'Occitània a Pè

OCCITÀNIA A PÈ: IMPRESSIONI DEL MIO CAMMINO

OCCITÀNIA A PÈ: RESSONS DE MA CAMINADA

di Joseta Brajon

OCCITÀNIA A PÈ: IMPRESSIONI DEL MIO CAMMINO
italiano Ho avuto la fortuna d'incontrare i camminatori e di camminare con loro per una decina di giorni. Mi è venuta voglia d'incontrarli perche mi piaceva il loro progetto: chiedere l'inscrizione della lingua occitana al Patrimonio Immateriale dell'Unesco.
Lungo il cammino ho potuto constatare la loro determinazione ed il loro entusiasmo nel comunicare. Ad ogni tappa ho visto accoglienze calorose e la quantità di sindaci e di consiglieri capaci di formulare discorsi in occitano, alcuni con estrema naturalezza. Ho udito Dario chiedere in modo appassionato a tutti di utilizzare ad ogni momento la loro lingua per scongiurarne la scomparsa! Ho assistito ogni giorno alla "predica" di Ines che in modo semplice spiegava il procedimento per l'iscrizione della lingua occitana al P.I.U., che essa non è una rivendicazione, ma un diritto e c'e bisogno di un largo sostegno attraverso deliberazioni da parte di Comuni, istituzioni ed associazioni...
Ho visto il numero di persone che ci hanno seguiti, in alcuni tratti molte: alcuni hanno preso congedo, altri sono venuti la domenica, altri ancora, in pensione, ci hanno seguiti per piú giorni... ma tutti felici di prendere parte a quella marcia. E tutti quei chilometri di cammino dove tutte i dialetti della nostra lingua si sono incontrati e compresi!
Quando si ha voglia di palarsi, non si bada alle piccole differenze che esistono fra l'occitano di qui o di là, ma ci si accorge dell'immensità delle somiglianze e si rimane sorpresi per il poco sforzo necessario a comprendersi. Il nostro amico catalano parlava con noi nella sua lingua senza nessun problema!
«S'intendono bene», si sentiva ad ogni ricevimento, a Minerve, Caunes, Carcassonne, Monze, Larasse, Termes, Duilhac, Montsegur ed ogni volta la gente rimaneva sconcertata!
Una sola ombra: siete talmente simpatici che è difficile lasciarvi partire dopo avervi conosciuti. Saremo numerosi a Vielha!
Ora ci lasciate il dovere di sostenere la vostra opera e di proseguire il vosro lavoro.
occitan Ai agut per astre d'encontrar los Caminaires e de caminar amb eles un detzenat de jorns.
Ai agut enveja d'anar los encontrar per que lor objectiu m'agaradava: demandar l'inscripcion de la lenga occitana al Patrimòni Immaterial de l'Umanitat a l'Unesco.
Sul terren, ai pogut presar lor deteminacion e lor estrambòrd communicatiu. Ai vist l'acuèlh calorós a cada etapa; lo nombre de conses, de conselhièrs, capables de dire qualques mots en occitan e tanben de lo parlar a fial per d'unes! Ai ausit Dario demandar amb vam a totes de se servir totjorn d'aquela lenga per defugir sa disparicion! Ai assistit cada jorn al «presic» d'Ines per explicar lor procediment del biais lo mas simple: incripcion de l'occitan al P.I.U., s'aquó es pas una revendicacion, es un dreit. E de convencer pertot que lor cal sostens, deliberacions de Conselh Municipals, d'A.G. d'associacions...
E ai vist lo nombre de monde que los an seguits, un pauc o pro. Los que an prés comjat, los que son venguts sonque la dimenjada, los retirats que an seguit maites jorns... mas totes uroses de prene part a'n aquel anar. E totes aqueles quilomètres de caminada onte totes los parlars de la nòstra lenga se son mesclats e compreses!!
Quand on a enveja de se parlar, on cerca pas las pichonas diferencias qu'existisson entre l'occitan d'aici o d'alai, mas on mesura l'immensitat de las semblanças e tot òme es totjorn susprés del pauc d'esforç per comprene. Lo nòstre amic catalan parlava el tanben amb nosautres sens cap de problèma!
«Se comprenon força plan» s'ausissia a cada recepcion a Menèrba,Caunes, Carcassona, Monze, Lagrassa, Termes, Duilhac...Montsegur onte lo public èra embelinat a cada còp!
Una sola ombra pichona: setz tan simpaticos qu'es força malaisit de vos daissar partir après vos avèire coneguts. Serem nombroses a Vielha!
Ara, nos daissatz lo deure de sostener la vòstra òbra e de perseguir lo vòstre trabalh.