Enti in rete L.482/99   

Brondello

Brondèl

Brondello
italiano Il comune, sito a 467 metri di altitudine, conta circa 300 abitanti e diverse borgate, tra cui Barra, Bricco, Cantun, Catalano, Colletta, Comba, Marchisa, Prai, Roera, Rossi, Traversere e Villa. Prende il nome dal torrente che lo attraversa, il Bronda, che denomina anche la valle, e che significa luogo frondoso, in mezzo a ramaglie.
Popolato sin dall’epoca romana, prima dell’affermazione dei marchesi di Saluzzo fu soggetto a differenti famiglie nobili. Il capoluogo presenta ancora vestigia dell’antico borgo medievale, come il torrione cilindrico con piccole feritoie, detto torre di vedetta o dell’orologio, rudere del castello del XII secolo. Il paese è caratterizzato dall’antico ponte ad arco in pietra all’inizio del quale si trova un pilone votivo affrescato da Giovanni Borgna con la Madonna con il Bambino, l’Ecce Homo e San Domenico: il ponte permette l’accesso alla Parrocchiale di San Massimo. Questa risale al XV secolo e benché abbia subito rimaneggiamenti in secoli più recenti; la sua facciata ha conservato parte delle originarie decorazioni pittoriche, tra cui un San Cristoforo del ‘700 e Sant’Antonio Abate della fine del ‘400. All’interno inoltre si trova un fonte battesimale del ’400 proveniente dall’officina degli Zabreri.
L’importanza di Brondello nella storia è stata determinata dalla sua posizione strategica sita lungo la via di comunicazione con la confinante valle Varaita. La strada carrozzabile di fondovalle fino al 1960 terminava a Brondello, ma negli anni successivi venne fatta proseguire sino alla panoramica cappella della Madonna delle Grazie e poi fin ad Isasca in val Varaita attraverso il Colletto Basso.
occitan La comuna, a 467 metres d’autessa, fai 300 abitants e diversas ruaas, coma Barra, Bric, Canton, Catalan, Coleta, Comba, Marquisa, Prai, Roera, Ros, Traverseras e Vila. Pren lo nom dal riu que lo traversa, lo Bronda, e que dona decò nom a la val, e vòl dir pòst plen de ramas e fuelhas.
Popolat jà en epoca romana, drant de l’adfirmacion di marqués de Saluces passa sot diferentas familhas nòblas. Lo cap luòc presenta encara rests de l’antic borg medieval, coma lo torrion cilindric emè pichòtas fissuras, dich tor de vedeta o de la mostra, aquò que resta del chastèl del XII secle. Lo paìs es caracterizat da l’antic pont a arc en peira dal pilon frescat da Giovanni Borgna emè la Madòna, lo Bambin, l’Ecce Homo e Sant Domenic: lo pont pòrta a la Parroquiala de Sant Maxim. Aquesta remonta al XV secle mas es estaa retruchaa en lhi secles d’après; la façada a gardat part des originarias pinturas, coma un Sant Cristòfo del ‘700 e Sant’Antòni Abat de la fin del ‘400. Dedins se tròba decò un font baptesimal del ’400 de la botega de lhi Zabriers.
L’importança de Brondel es estaa determinaa da la sia posicion estrategica, sus la via de comunicacion emè la confinanta val Varacha. La via del fonsval fins al 1960 finia a Brondel, mas ven peui prolonjaa fins a la panoramica chapèla d’la Madòna des Gracias e puei fins a Isascha en val Varacha a travers lo Colet Bas.