Enti in rete L.482/99   

Carla Cavatore: foto, canzoni e fantasia

Carla Cavatore: foto, tchansoun e fantasia

di Pierluigi Ubaudi

Carla Cavatore: foto, canzoni e fantasia
italiano La vita di Carla, specialmente nel periodo della sua infanzia, non era quella normale dei bambini di oggi, che passano la giornata a giocare, proprio perché Carla ha iniziato a lavorare, fin da giovanissima. Il padre e le due sorelle più vecchie, hanno sempre fatto diversi lavori: il padre era commerciante di lagna e Carla con le sue sorelle l'hanno aiutato a fare la legna, trasportarla, comprare e vendere. Poi hanno avuto un periodo che raccoglievano l'immondizia con il camion e Carla mi raccontava che si svegliava anche alle quattro del mattino per fare il giro a prendere i bidoni dell'immondizia e rovesciarli sul camion. Poi hanno avuto anche delle capre e quindi sovente andavano a pascolarle.
Si ricorda bene i giri notturni sul camion del padre a raccogliere l'immondizia, erano condizioni non molto igieniche, infatti raccontava che le sorelle, che erano più grandi, prendevano i bidoni da sotto e lei aspettava sul camion per vuotarli: è forse uno dei ricordi più vivi della sua gioventù.
Tutti i momenti bisognava andare a cercare le capre su per le montagne perché le capre, soprattutto in autunno, scappavano e il padre le diceva "vai un po' fin lì a cercarle e radunarle che viene buio, almeno le metti dentro. Allora Carla s'incamminava su e cominciava a chiamare le capre, cercarle qua e là. Sovente bisognava andare quasi fino in punta alla Bela Varda, una montagna proprio sopra Cantoira. E proprio sotto la punta della montagna c'è un alpeggio che si chiama "Bela Varda da mount". Un nome che ha sempre continuato a restare nelle orecchie e nei ricordi. Ricorda ancora i grandi spazi e il silenzio che c'era là in montagna, anche perché al giorno d'oggi Carla fa un lavoro abbastanza diverso: lavora alla posta e ha fatto la postina per tanti anni e qualche volta lavora anche dietro lo sportello.
Allora quando si trova dietro allo sportello, in un ufficio, ricorda con un po' di malinconia i giorni in cui andava in montagna a cercare le capre e che era più libera. Però questo fatto che è sempre stata legata alle proprie radici, ha condizionato la sua passione principale: la fotografia. Infatti, un po' grazie al lavoro di postina, ha avuto modo di conoscere molta gente e andava proprio a casa loro... gente che abitava nelle borgate, nelle baite, nei paesi. A forza di conoscere queste persone probabilmente ha avuto l'ispirazione di mettersi a fotografarle nei momenti in cui erano più naturali, mentre lavoravano nei campi, nella stalla, ecc... Ha cominciato a fare foto e diapositive, a partecipare a mostre e concorsi.. qualcuno l'ha anche vinto... e poi ha anche presentato le sue diapositive negli spettacoli del suo gruppo " Li Magnoutoun". Inoltre, ultimamente, si è cominciato ad usare le sue foto per i calendari della Val Grande che poi vengono venduti nella vallata.
Le sue fotografie sono particolari perché si vede proprio che aveva una grande confidenza con le persone perché le catturava negli atteggiamenti più naturali della vita, tenendo conto che il postino spesso, per chi vive in luoghi sperduti, è l'unica persona che vedono nella giornata, così non serve solo a portare le lettere o le bollette, è qualcuno che porta delle notizie e che fa due parole con tutti quelli con cui si ferma a bere un caffè.
Per ciò che riguarda la musica, Carla ha sempre amato ballare e più spesso cantare. Si ricorda cha specialmente da giovane, le piaceva talmente ballare che scappava, dicendo che andava a dormire con sua zia di Cantoira e quando sapeva che c'era un ballo vicino, aspettava che sua zia fosse addormentata e scappava dalla finestra per andare a ballare. Ogni tanto tornava un po' tardi ma credeva che sua zia non se ne accorgesse... invece una volta l'ha sentita che diceva a sua madre: " Eh... Carla stanotte è tornata che era quasi giorno"
Ballare è un divertimento ma ha anche uno scopo sociale, specialmente per le ragazze, perché spesso per una ragazza farsi invitare al ballo o fare la Priora era l'unico modo, soprattutto tanti anni fa, per conoscere un ragazzo e poter parlare con lui senza essere troppo controllata... era l'unico modo per essere corteggiata e per farsi invitare a ballare.
Poi sovente dal ballo si passava al canto, dato che a mezzanotte il ballo finiva e quelli che avevano ancora voglia di continuare la festa andavano a bere una volta al bar e li cominciavano a cantare. Il modo normale di cantare è senza niente di scritto, cioè cantare in modo spontaneo. Carla racconta che dato che le piaceva un po' un ragazzo che era un cantore, ha cominciato a cantare anche lei per stargli un po' vicino ma, quando lei era giovane, mettersi a cantare con gli uomini non era una cosa ben vista nel paese e per molto tempo le donne poterono solo cantare in chiesa, mentre cantare fuori, nelle feste e insieme agli uomini non era "per bene"... ce n'era qualcuna che lo faceva ma non tutte. E per suonare era la stessa cosa... e sono passati molti anni prima che arrivassero anche le donne a suonare in banda.
Al giorno d'oggi le cose sono cambiate anche perché le ragazze sono più libere di afre quel che vogliono, così, quando si trovano a cantare non vengono più criticate come un tempo. Però c'è un'altra critica che sovente si sente fare quando la gente sente cantare qualcuno all'osteria o nei campi mentre lavora... la gente, che non è più abituata come un tempo a sentir cantare, dice che chi canta è gente "strana", un po' ubriaca e non troppo per bene. Anche se al giorno d'oggi quelli che cantano sono considerati un po' "strani", sicuramente Carla non se ne preoccupa dato che quando ha cominciato a cantare lei, non si erano ami viste ragazze a che cantavano e a lei non è mai importato più di tanto e ha sempre fatto come ha voluto. Anche oggi, se le viene voglia di cantare nei campi mentre lavora non si fa tanti problemi.
franco-provenzale La vita eud Carla, spetchalmeunt eunt-lou pèriodo da magnà è-i-èret gnint seulla nourmala dli magnà dou li dì d'euncouè cou pasount la djournà a djouvìia, propi perquè Carla figna da djouveun djouveun è-i-à subit euncaminà a trevaỳa. Lou pare é eul due sueures, cou s-èrount djeu eun po piu vìes, ou l'ont seumper fait divèrses atività, divèrs travai: lou pare ou i-èret coumèrtchant eud boueur é Carla coun eul soue sueures ou l'ont djutà a fâ boueur, pourtà lou boueur, tchetà é veundi. Pê ou l'ont avù lou pèriodo cou pasavoun coun lou camion a cuìi ill'amnis é aleura Carla m'eun couèntavet que s'élvavet magara a catr eure eud matinà peur fâ lou djîr di-amnis, a piî li bidoun é versali slou camion. Pê ou i-avont cô eud tchievres aleura souveunt alavount cô vià tchevrèri.
Ès-ricouerdet eun baroun li djìir cou fazont de nouèt slou camion dou pari peur cuìi l'amnis, ou i-èrount coundisioun gnint tant idjèniques di fatti quèntavet que eul sueures, que ou sèrount eun po piu grandes, ou pìivount li bidoun da bâ é quieulla spetavet slou camion peur dounàli lou djir: ou i-eust un dli ricord forse piu vî qui à quieulla dla soua djouveuntù.
Touti li bot è-veuntavet alà a sercase eul tchievres su peur eul mountagnes perquè eul tchievres, spétchalmeunt eunt l'outoun, ou scapavount é aleura lou pare ou disiat "vâ eun pô fin iquì drèt a sercales, a radunales que è-vint nouèt é almèno eul butèn dedin", aleura Carla è-sé-euncaminavet su, sé-euncaminavet a tchamà eul tchievres a sercales d'isì é d'eud lai: souveunt è-veuntavet alà sin cazi eun pouinta a la Bèla Varda, que è-i-eust na mountagni que è-i-eust èisì a Cantoira. Èiquì propi sout la pouinta dla mountagni è-i-eu n'alp que sé-s-tchamet "Bèla Varda da mount", nou noum cou i-eust seunper countinouà a stâ eun tle-s-ourèze, eun tli ricourd: ès-ricouerdet euncoù oura li spasi grô é lou silènsiou cou i-eu su lai eun mountagni, anque perquè aou dì d'euncouè Carla è-fait nou travai besteunsi diféreunt, è-travait eunt-eul postes: è-i-à fait peur tènti an la poustina é poi querqui bot è-travait cô drè li spourtèl. Aleura can que ès-treuvet sérà drè lou spourtèl, eunt-un ufisi, eunt-eul murayes, è-rocouerdet cô figna coun eun po eud malicounî li dì que eunvètche è-alavet su eun mountagni a sercase eul tchievres é que-è-i-èret piu libéra.
Pèrò sto fatto que è-i-eust seumper istaya tacà al soue rèis, ou i-à coundisiounà cô la soua pasioun printchipal que è-i-eust seulla dla foutougrafia. Di fatti eun po coun lou travai dla poustina, à seumper cougnusù divèrsa djeuns, è-alavet propi a cougnestla a soua queu...eul djeuns cou stavet magara eun le bourgà, eun tle mueundes, eun tli pais. A forsi eud cugnèsi ste persoune proubabilmeunt è-i-a avù l'éidèia eud butase a foutougrafales eun li moumeunt nourmal dla djournà mèntre cou travaiount eun tli tchamp, eun tlou stabi, opura mèntre cou sount a queu. È-i-à euncaminà a fâ foutougrafie é diapouzitives, a pertètchipà a moustres é councouers...queidun ou i-à figna vagnà...é pê è-i-à cô prezentà eul soue diapouzitives eun tli spétacoul dou soun group, cou sé-s-tchamet "Li Magnoutoun", eun piu, oultimameunt, è-i-à euncaminà a douvrà eul soue foutougrafies cô peur fâ eun calèndari cou sé-s-tchamet "Calèndari dla Val Granda" cou djiret é ou vint veundù peur la valada.
Eul soue foutougrafie ou sount perticoulâr perquè ès-vê propi da eul foutougrafies que quieulla coun eul persounes istà eun counfideunsi perquè è-i-à propi pià eul persounes eun ti-atédjameunt piu nourmal dla vita: tinèn couint que lou poustin souveunt peur una persouna que istet eunt-un post eun po sperdù ou i-eust l'unica persona cou vèount eunt la djournà, aleura ou i-eust gnint meuc outil peur pourtà eul litres o eul bouléttes ma lou poustin ou i-eust ‘na persona cou pouertet eul novitayes, cou fait due paroles coun touiti, que-ès freumet a pìia nou cafè...
Peur sèn que rigouardet la muzica, Carla è-i-eust seumper piazù balà é pê souveunt è-tchantet cô. Ès-ricouerdet que, spétchalmeunt da djouveun, eul piazèt talmeunt balà que-è-scapavet da queu: è-dizèt que è-dourmèt coun soua magna èiquì a Cantoira é cant que savèt cou i-èret nou bal èiquì vizin, è-spetavet que soua magna è fuset eundourmià é poi de stermà è-saivet fora dla fenèstra é è-alvet a balà...ogni tant è tournavet cô tard...ma è-i-à seumper pénsà que soua magna è-s-acourzèise gnint... énvètche soua magna eun bot è-l'à sentù descoueri coun soua mare, que le dizèt "Ehh, Carla sta nouèt è-i-eust tournà que i-èret cazi dì".
Lou balà ou i-eust eun bèl divertimeunt, ma ou i-à cô n'éscopo soutchal spetchalmeunt peur eul fìes perquè souveunt peur ‘na fî fase invità a balà, o magara fâ la prioira, è-i-èret l'unica manèri, spetchalmeunt tènti an feu, peur cugnèisti querqui fî, peur pouèli descoueri eun po desdjénà sénsa èstri trô countroulà...é aleura l'unic modou peur èstri courtèdjìa o peur cugnèstri queidun è-i-èret seulla eud fase invità a balà...
Pê souveunt daou bal ès-pasavet a lou tcheunt perquè a mézanouèt lou bal ou finèt é souveunt sî cou l'avont euncoù gnin veuya d'alà a queu peur countinouà la fèsta ou alavount a bèiri un bot eun piola é pê ou euncaminavount a tcheuntà...aleura daou bal ès-pasèt a lou tcheunt. La manèri eud tcheuntà nourmala eun le valade ès seulla èiquì eud tcheuntà sénsa gnènte d'éscrit, tcheuntà eun manèri spontanea. Carla è-couèntet que, perquè è li piazèt eun po un fî cou i-èret tant tcheuntrin, è-i-à cô quieulla euncaminà a tcheuntà peur stali eun po vizin, ma cant que quieulla è-i-èret djouveun, butase èiquì na fî a tcheuntà eunseumbiou a ill'om ou i-èret propi gnint viu tant bin eunt-lou pais é peur un baroun eud tèn eul feumèle ou pouvont meuc tcheuntà eun djèzia pérò alà fora a tcheuntà al fèste eunseumbiou a ill'om ou i-èret gnint tant da bin...è-i n'èret quèidunes ma gnint toutes. Anque peur lou sounà ou i-èret la stèsa coza: edvant cou sount aruvaye eul prumme fìes eunt una beunda ou sount pasà divèrsi an...
Aou dì d'euncouè eul coze ou sount queumbiayes anque perquè eul fìes ou sount eun po piu libéres eud fâ seun cou volount aleura can cou-s-trevount a tcheuntà ou vignount pi gnint criticayes si tant coume eun bot. Pérò è-i-eust n'aoutra critica que souveunt è-sint dî: can quèidun ou sint tcheuntà querque persouna o eun piola o eunt-li tchamp mèntre cou travayet, eul djeuns cou sount pi gnint abitouaye, coume eun bot, a sintilou ou diount subit que sî qui tcheuntount ou sount persoune eun po drole, cou sount eun po tchouc o cou sount persoune gnint tant da bin.
Anque se aou dì d'euncouè sî cou tcheuntount ou sount counsidérà eun po drolo, sigurameunt Carla è-s-préocoupe gnint perquè djeu can que è-i-à euncaminà a tcheuntà quieulla eul feumèle cou tcheuntavount ou sèrount mai viuves é quieulla è-i n'à mai frégà piu que tant é è-i-à fait seun que voulèt: anque aou dì d'euncouè se è-eul vint veuya eud tcheuntar eun tlou tchamp mèntre que-è-travayes ès fait gnint grosi problèmi.