Enti in rete L.482/99   

Castelmagno

Chastelmanh

Castelmagno
italiano Castelmagno sorge al fondo della Valle Grana a 1150 m di altitudine. Conta circa 85 abitanti ed è formato da 15 borgate, delle quali solo sei sono attualmente abitate: il capoluogo Campomolino, Chiotti, Chiappi, Colletto, Einaudi e Nerone. Il toponimo deriva dal latino castrum magnum, castello grande, in riferimento al castello che anticamente controllava la valle dall’altura della frazione Colletto. Il territorio risulta abitato sin dai tempi della Roma imperiale; la sua storia è legata a quella della diocesi di Torino, il cui vescovo era signore della Valle Grana, ma per la sua posizione di confine subì poi l’influenza del marchesato di Saluzzo, dei Savoia e della Francia.
Dedito da sempre all’allevamento e alla caseificazione, il comune è diventato celebre grazie alla produzione del formaggio Castelmagno, realizzato con latte vaccino dopo una stagionatura da due a sei mesi in grotte naturali fresche e umide. Secondo la leggenda, alla fine del IX secolo alcune forme sarebbero giunte ad Aquisgrana alla mensa imperiale di Carlo Magno: egli rimase entusiasta del prodotto, che in suo onore sarebbe stato denominato Castelmagno. Altra voce importante dell’economia è il turismo, sia sportivo che religioso, grazie alla presenza del santuario di San Magno, posto sulla strada che conduce al Colle Fauniera e alle vicine Valli Maira e Stura. Sorto su un’area anticamente dedicata al culto di Marte guerriero, nel Medioevo fu anche posto di blocco militare contro il contrabbando delle merci, nonché ospizio per i pellegrini in viaggio. Riedificato nel 1475, fu ampliato nel XVIII secolo con l’aula corrispondente alla chiesa moderna, da cui si accede alla Cappella Vecchia e alla Cappella Allemandi. In quest’ultima Pietro da Saluzzo realizzò intorno al 1475 Evangelisti e Dottori della Chiesa. Gli affreschi della Cappella Vecchia con le Storie della Passione e Resurrezione sono invece opera del 1514 di Giovanni Botoneri.
Al Santuario è legata la principale festa locale, la Baia di San Magno che si svolge il 19 agosto. Nel Medioevo le Abbadie erano congregazioni maschili cui spettava l’organizzazione delle feste profane. Il termine, in occitano Baìo/Baìa, passò poi ad indicare la stessa festa e il suo corteo di personaggi, che a Castelmagno scortano la statua del santo in processione.
Nel comune sorgono due musei etnografici: al Colletto il Museo d'la vita d'isi (Piccolo museo della vita di qui), esposizione di più di duecento oggetti ed utensili da lavoro tradizionali, utilizzati in campo agricolo dalle popolazioni locali. A Chiappi si trova il Pichot Muzeu dal travai d’isì, aperto dal 1992 con oggetti e ricordi della vita delle popolazioni locali, compresi documenti e testimonianze dei lavori dei castelmagnesi emigrati.

occitan Chastelmanh se tròba al fons de la Val Grana a 1150 m d’autessa. Fai 85 abitants e es format da 15 ruaas, mas mec sieis son abitaa al jorn d’encuei: lo cap luòc Champdamolin, Clòts, Claps, Colet, Inaud e Neron. Lo topònim ven dal latin castrum magnum, chastèl grand, per lo chastèl qu’un bòt controlava la valada da l’aut de la fracion Colet. Lo territòri era abitat jà dai temps de la Roma imperiala; la sia istòria es liaa a n’aquela de la diòcesi de Turin, vist que lo siu evesco era senhor de la Val Grana, mas per sa posicion de confin subìs l’enfluença del marquesat de Saluces, di Savòia e de la França.
La comuna, ente lo monde s’es sempre ocupat d’enlevament e produccion de fromatge, es devengua famosa abo lo fromatge Chastelmanh, produch abo lach de vacha après aver passat entre dui e sieis mes en trunas naturalas freschas e umidas. Per la legenda, a la fin del IX secle lo fromatge seria arribat fins a Aquisgrana a la taula imperiala de Carl Manh: e vist que lhi seria ben plasut, seria estat chamat Chastelmanh en siu onor. Sector important de l’economia es lo torisme, esportiu e religiós, gracias a la presença del santuari de Sant Manh, s’la via que pòrta al Còl Fauniera e a las valadas Maira e Estura. Naissut ente un bòt se venerava Marte guerrier, ental Medioevo es estat decò pòst de blòc militar contra lo contraband, e ospici per lhi pelerins en viatge. Reconstruit ental 1475, es engrandit ental XVIII secle abo la gleisa moderna, d’ente se passa a la Chapèla Vielha e a la Chapèla Allemandi. Aicì Pietro da Saluzzo realiza vers lo 1475 Evangelistas e Doctors de la Gleisa. Lhi frescs de la Chapèla Vielha abo las Istòrias de la Passion e Resurrecion son òbra del 1514 de Giovanni Botoneri.
Al Santuari es liaa la principala festa del pòst, la Baia de Sant Manh que se fai lo 19 d’avost. Ental Medioevo las Abbadias eron congregacions d’òmes que devion organizar festas profanas. Lo nom, en occitan Baìo/Baìa, passa puei a indicar decò la festa e siu cortèu de personatges, qu’a Chastelmanh companhon l’estatua del sant en procession.
En la comuna lhi a dui museus etnografics: al Colet lo Museu d'la vita d'isi, exposicion de pus de dui cents objècts e aisinas tradiccionalas, adobrats en la campanha da lhi abitants del pòst. En Claps se tròba lo Pichot Muzeu dal travai d’isì, dubert despuei lo 1992 abo objècts e recòrds de la vita des popolacions del pòst, e documents e testimonianças di trabalhs de lhi emigrats da Chastelmanh.