Chambra d'Òc    Catalogo d'oc

Catalogo d'oc

AKIM E L’AQUILON

AKIM E L’AQUILON: una storia, tante lingue (ÒC-IT-Albanese-FR-EN-Romeno) - DVD (ÒC-IT-Albanese-FR-EN-Rumeno-Arabo-FrProv)

Chambra d'Òc

Edizioni: Chambra d'òc
Una storia, tante lingue (ÒC-IT-Albanese-FR-EN-Romeno) - DVD (ÒC-IT-Albanese-FR-EN-Rumeno-Arabo-FrProv)
Libro illustrato con DVD - Anno 2007

EUR 9.00


italiano “Akim e l’aquilon”, è una storia, edita da la Chambra d’Òc, uscita nel maggio 2007, in sei lingue scritte e otto raccontate.
Per questo, oltre al libro, c’è anche il dvd, con dei personaggi que raccontano la storia in diverse lingue.
Ma tutti voi vi chiederete: “Che cos’è questo’ perchè una storia in tante lingue, e soprattutto, quali sono queste lingue?”
Cominciamo allora dall’inizio.
Per prima cosa è un libro scritto da dei bambini per i bambini, ma anche per gli adulti. È nato come collante tra diversi progetti della scuola primaria di Dronero ed è stato realizzato dagli alunni della classe 3ªb, una classe di 22 bambini provenienti da paesi diversi.
Proprio questa caratteristica di multiculturalità ha suggerito l’idea di un libro e un dvd in tante lingue.
Dunque, i bambini si sono messi al lavoro, un lavoro proseguito per mesi, e hanno inventato la storia di un bambino come loro, un piccolo principe del Marocco, che si pone tante domande e che ha bisogno di qualcuno che gli risponda. Trova un nuovo amico, un aquilone occitano, Gironzolo, che lo condurrà alla scoperta dei suoi pensieri, dei suoi desideri e dei grandi valori come l’amicizia, l’amore per la libertà, per la giustizia.
I ragazzi hanno trasportato nella storia tutti i loro pensieri, le loro curiosità e aspettative, i loro sentimenti.
Ma chiediamo agli stessi autori come hanno proceduto nel lavoro.
Come vi siete organizzati per scrivere questo libro?
- Ci siamo organizzati a gruppi, l’idea dell’aquilone ci è venuta dopo che in classe abbiamo letto degli stralci dal libro “Il cacciatore di aquiloni”, quello su Kabul. Sentendo quelle pagine abbiamo cominciato a pensare all’aquilone come immagine di libertà, come possibilità di volare via, per andare a cercare una vita migliore.
- Sicuramente abbiamo lavorato con la fantasia, ma soprattutto con amicizia e emozione.
- Scrivevamo alcuni pezzi, poi tutti insieme, in classe, cercavamo di comporre il testo, poi ancora abbiamo proceduto alle illustrazioni. È stata davvero una bella esperienza.
Cosa avete provato quando avete visto il libro pubblicato?
- Vedere il libro stampato è stata l’emozione più forte e pensare che La Chambra d’Òc l’aveva trovato cosí interessante da volerlo pubblicare ci ha fatto sentire dei veri autori. L’abbiamo anche venduto, noi personalmente, alla Piccola Fiera del Libro che abbiamo fatto a Dronero, come scuola, e questo ci è piaciuto molto, ci ha fatti sentire importanti.

In seguito, “Akim e l’aquilon” è diventato anche una scena teatrale nello spettacolo che in questa scuola, ogni anno, chiude il progetto sulla 482.
Chiediamo in particolare a Nicole, la bambina che ha interpretato il ruolo di Gironzolo:
Come è stato per te interpretare Gironzolo?
- È stato meraviglioso, vedere la nostra storia diventare viva, reale, creare movimento... E poi Gironzolo era una parte importante, mi ha ben soddisfatta anche se sentivo di avere una certa responsabilità.
Tu, con la parte di Gironzolo, hai recitato interamente in occitano; come l’hai vissuto?
- Se devo dire la verità mi ha dato la possibilità di liberare, mettere fuori, il fatto che ho un’altra lingua, l’occitano. Avevo già recitato gli anni scorsi in occitano, ma quest’anno, con questa scena, è stato come abbandonare un segreto e dirlo a tutti.

“Akim e l’aquilon” vuole essere un punto di partenza per creare un rapporto fra la cultura e la lingua d’origine del nostro territorio e le lingue e le culture che oggi sono venute a inserirsi.
Un modo per riprendere le proprie radici, qualsiasi esse siano, e intrecciarle con le altre con le quali si convive. Per questo la storia, scritta in occitano e italiano, viene presentata in fondo al libro nelle lingue presenti nella classe, francese, albanese, rumeno con l’aggiunta dell’inglese. Inoltre, sul dvd vi è la possibilità di ascoltarla anche in arabo (che era troppo complicato da scrivere) e francoprovenzale. Tutti coloro che hanno raccontato la storia oltre ad essere di madrelingua corrispondente alla versione letta sono anche persone molto vicine ai giovani autori, madri, maestre della scuola materna, il regista che li segue nella realizzazione degli spettacoli teatrali, amici.
Per i bambini, il vedere che degli adulti accettavano di interpretare questa storia ha aggiunto ulteriore valore all’opera.
Dunque, questo libro, che per la classe è solo il primo di una serie di esperimenti, nato nello spirito di un forte rapporto interculturale per guidare i bambini nella convivenza e nella condivisione quotidiana, si pone nell’obiettivo che le nuove generazioni possano vivere realmente insieme e non una accanto all’altro.
“Aquim e l’aquilon” ha dato a tutti tante possibilità e emozioni diverse e soprattutto la voglia a ciascuno di liberare, far uscire le sue ricchezze culturali e linguistiche invece di provare vergogna e nasconderle!
occitan “Akim e l’aquilon” es un’istòria, editaa da La Chambra d’Òc, salhia lo mes de mai dal 2007, en sieis lengas escrichas e uech contaas.
Pr’aquò, es pas masque un libre, lhi a decò lo dvd ensem, bo de personatges que conton l’istòria en lengas diferentas.
Mas tuchi vosautri vos demandarètz: “Qu’es aquò?. Perqué un’istòria en tantas lengas, e sobretot, qualas son aquestas lengas?”
Partem alora dal començament.
Derant tot es un libre escrich da las mainaas per las mainaas mas tanben per lhi adults. Es naissut coma liam entre diferents projèctes de l’escòla primària de Draonier e al es estat realizat da lhi escolans de la classa 3ªB, una classa de 22 mainats de diferents país.
E pròpi aquesta característica de multiculturalitat a fach venir l’idea de realizar un libre e un dvd en tantas lengas.
Donc, las mainaas se son butaas al trabalh, un trabalh qu’es anat anant per de mes, e an enventaa l’istòria d’un filhet coma lor, un pichòt prince dal Maròc, que se fai tantas demandas e que a besonh de qualqu’un que lhi respònde. Es aquí que tròba un novèl amís, un aquilon occitan, Virolet, que lo portarè a la descubèrta di siei pensiers, di siei desideris e di valors mai grands coma l’amistat, l’amor per la libertat, per la justícia.
Lhi pichòts, lhi an butat dedins tuchi lors pensiers, lors curiositats e aspectativas, lors sentiments.
Mas demandem lor mesme coma an fach a far tot aquò.
Coma vos setz organizats per escriure aqueste libre?
-Se sem organizats a grops, l’idea de l’aquilon nos es vengua après que en classa avem lesut de tròç dal libre “Il cacciatore di aquiloni” aquel sus Kabul. Alora d’aquí avem començat a pensar a l’aquilon coma figura de libertat, coma possibilitat per volar via, per anar a cerchar de causas melhoras.
-Segurament avem trabalhat bo fantasia, mas sobretot abo amistat e emocion.
- Un pauc escrivíem, après tuchi ensem, en classa, se cerchava de compóner lo tèxte, après encara avem fach lhi dessenhs. Es estaa una bèla experiença.
Qué avetz provat quora avetz vist lo libre publiat?
- Es estaa l’emocion mai gròssa quora avem vist lo libre estampat, publiat, e pensar que la Chambra d’Òc l’avia trobat parelh interessant da lo voler publiar non a fach sentir de vers autors. L’avem decò vendut, nosautri personalament, a la Pichòta Fiera dal Libre qu’avem fach a Draonier, com’escòla, e aquò nos a ben agradat, nos a fachs sentir importants.

Après tot aquò, “Akim e l’aquilon”, es devengut tanben una scèna teatrala dins lo teatre que se fai dins aquesta escòla chasque annada per terminar lo projècte sus la 482.
Demandem en particular a Nicole, la filheta qu’a interpretat lo ròtle de l’aquilon Virolet dins lo teatre:
Coma es estat far la part de Virolet?
- Es estat maravilhós, veire la nòstra istòria devenir viva, reala, crear moviment... E après Virolet era una part importanta, m’a ben agradaa decò se sentiu d’aver na certena responsabilitat.
Tu, abo la part de Virolet, as recitat tot temp en occitan; qu’es estat aquò per tu?
- Se devo dir la veritat m’a donat la possibilitat de liberar, butar fòra, lo fach qu’ai un’autra lenga, l’occitan. Aviu já recitat las annadas passaas en occitan, mas aquest’an, bo aquesta scèna, es estat coma abandonar un secret e lo dir a tuchi.

“Aquim e l’aquilon” vòl èsser un ponch de partença per crear un rapòrt entre la cultura e la lenga d’orígina de nòstre territòri e las autras lengas e culturas qu’encuei se son jontaas. Na maniera per reprene chasqued’un las sias raïtz, e las entreçar bo aquelas de qui nos ista dapè. Pr’aquò l’istòria, escricha en occitan e italian, al fons dal libre ven presentaa dins las autras lengas de nòstra classa, es a dir francés, albanés, romen e en anglés. En mai, sal dvd lhi la possibilitat d’escotar-la decò en arabe (tròp complicat da escriure) e francprovençal.
Tuchi aquilhi qu’an contat l’istòria, natuaralament, son de maire lenga d’aquela que representon e son decò de personas ben dapè ai joves autors de l’istòria, maires, magistras de la mairala, regista que lhi seguís quora realizon d’espectacles teatrals, amís.
Veire que d’adults aceptavon d'interpretar aqueste libre, per las mainaas, es estaa un’autra maniera per donar valor a lor òbra.
Donc, aqueste libre, que per la classa es masque lo premier de na sèria d’experiments, naissut dins l’esperit d’un fòrt rapòrt intercultural per guidar lhi pichòts a la convivença e la condivision de chasque jorn entre las diferentas culturas, se pausa dins l’objectiu que las nòvas generacions pòlen realament viure ensem pas masque una dapè l’autra.
“Aquim e l’aquilon” a donat a tuchi tantas possibilitats e emocions diferentas e sobretot la vuelha per chasqued’un de “liberar”, butar fòra, sas richessas culturalas e linguísticas al pòst de n’aver onta e de las estremar!



Las espesas d'expedicion son calculaas en percentatge sus lo total de l'achat e second lo país de destinacion.I costi di spedizione sono calcolati in percentuale sull'importo totale dell'acquisto e in base al paese di destinazione.
quantità