Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Max Roqueta

Erbe / Nel canto dei galli - Max Roqueta

Èrbas / Dins lo cant dels gals - Max Roqueta

di Peyre Anghilante

Erbe / Nel canto dei galli - Max Roqueta
italiano Erbe

Erbe, che siete così umili sotto il peso di un passo, o i morsi del freddo, o i bruciori dell'estate, cosa siamo di più che voi, quando la catena della vita vi attraversa come essa ci attraversa, e non possiamo sapere se ve ne saranno, domani, altri per allungare il lungo seguito. Quello che va senza mai sapere dove va, e che corre come dietro al suonatore di flauto, i topi, a migliaia, andavano ad annegarsi nell'acqua fuggente del fiume.


Nel canto dei galli

Nel canto dei galli del pomeriggio, non passerà più la tua lunga ombra...
I galli che qui non cantano più.Se ne sono andati prima di te. Cantano in fondo a qualche memoria.
Vi risuonano i colpi del tuo bastone sul selciato. Nell'ombra muta della memoria. Nella luce del pomeriggio.
Cancellato. Senza speranza. Ombra invisibile. Parola muta. Ed il sole, sempre lui, chiuderà il giorno.
Mosè lo ha visto nelle distese dei suoi deserti. E così il cammello di Maometto. E tanti milioni di uomini senza volto.
Allo stesso modo. Sempre. E di cui ciononostante verrà la notte. Ed il freddo mortale delle nuove tenebre. Aperte sull'eterna distesa.
È lì la sola patria. Dove ci riposeremo dal vecchio cammino. Lo facemmo sulla terra.
Lo facemmo insieme e il tuo sguardo mi dava sostegno. Ci perderemo ancora nella semioscurità dei mondi.
Nel suo volteggiare senza fine di uccelli rapaci.
occitan Èrbas

Èrbas, que siatz tant umílas jot lo pes d'un pas, o las morsegaduras dau frèg, o las cremaduras de l'estiu, de qu'es que siam de mai que vos, entre que la cadena de la vida vos atravèrsa coma nos atravèrsa, e que podèm pas saupre se n'i naurà pas, deman, d'autres per alongar lo long seguit. Aquel que vai sens non jamai saupre onte vai, e qu'i corrís coma darrièr lo jogaire de flabuta, la ratuna, per milierats, s'anava negar dins l'aiga fugidissa dau flume.


Dins lo cant dels gals

Dins lo cant dels gals de la tantossada, passarà pas pus ton ombra longa...
Los gals que çai cantan pas pus. Son partits davant tu. Cantan dins lo fons de quauquas memòrias.
I restontís los còps de ton baston sul caladat. Dins l'ombra muda de la memòria. Dins la lutz de la tantossada.
Escafat. Sens espèr. Ombra enveiranta. Paraula muda. E lo solelh, totjorn el, clavarà lo jorn.
Moïses l'a vist dins los espandis de sos èrmes. Emai la camèla de Maomet. E tant de milions d'òmes ses ges de cara.
Parièr. Totjorn. E que pasmens sa nuòch vendrà. E lo freg mortal de la tenèbra nòva. Dubèrta sus l'espandi etèrne.
Aquí la sola patria. Onte nos pausarem dau vièlh camin. Lo faguèrem sus la tèrra.
Lo faguèrem ensem e ton agach m'èra sosten. Nos tornarem perdre dins l'entrelusida dels mondes.
Dins son ceuclar de tartanas sens fin.