Enti in rete L.482/99   

Adalgisa Pognant racconta delle feste di Chianocco

Adalgisa Pognant i parle de féte ‘d Tsanouc

Testo e Video a cura di Paola Vai

Adalgisa Pognant racconta delle feste di Chianocco
italiano [La festa patronale di Chianocco è] San Pietro Apostolo, San Pietro, e poi ci sono tante altre cappelle, ad esempio noi qui festeggiamo San Basile, al Colombé c’é San Rocco e San Sebastiano, a Pavaglione fanno San Marcello e al Molé invece fanno San Barnabà. E invece negli altri posti non ci sono cappelle, come a Vernetto, alla Grangia ci sono dei piloni... e adesso vogliono persino risistemarli, valorizzarli di nuovo i piloni. Su a Pavaglione c’è San Marcello, da noi San Barnabà e qui c’è, al Colombé c’è San Rocco e San Sebastiano, che fanno anche la festa, si, si non fanno più grandi... A Pavaglione ne fanno ancora abbastanza di feste, invece qui a Colombé e a Vindrolere dicono messa, la messa e voilà.
Ad esempio a Carnevale facevano la polenta, come fanno ancora adesso in qualche posto, facevano la polenta, passavano con un cestino a chiedere uova, toma, quello che... magari un po’ di vino... si, si, passavano, poi facevano festa grande, noi del Molé facevamo festa per vari giorni, e quando arrivava l’ultima domenica, l’ultima domenica di Carnevale tagliavano la testa al gallo, catturavano un gallo, e poi li mascheravano e poi con una sciabola andavano a tagliargli la testa. E a San Marcello anche, si fa ancora festa, si è persa un po’ ma si fa due volte a Pavaglione, c’è anche Santa Maddalena d’estate e anche i priori.
Invece noi no, a Pavaglione ci sono i priori e tutti gli anni, la festa principale è San Marcello, ma c’è anche la Maddalena e a quest’epoca si cambiano i priori. É una coppia che fa i priori, fa dire messa la volta dopo e organizza la festa. E poi a Pavaglione ci sono ancora, che ci vivono proprio non sono molti, non so quante famiglie saranno, 5 o 6, non so, però hanno aggiustato molte case, c’è anche una bocciofila che d’estate funziona bene, anche per mangiare, c’è posto per 60/70 persone, o forse di più. Poi c’è anche il ristorante, c’è anche il ristorante che rimane aperto tutto l’anno, il proprietario è giovane, l’ha aggiustato bene, ma comunque le case sono tutte ristrutturate e c’è anche la strada asfaltata...
Anche noi al Molé avevamo i priori e si festeggiava San Barnabà e allora prendevamo una ragazza della borgata che avesse avuto 18, 20 anni (infatti mia sorella più grande, più vecchia l’aveva portato), allora preparavano un cestino e dentro ci mettevano un arrosto e un po’ di fiori e lo portavano da una famiglia all’altra e andavano fino a Goitrus, Malacombette e giù a Lorano, portavano anche... e l’anno dopo dovevano far dire messa, però loro qui ballavano alle cinque di sera, c’era solo una pista fuori, un’aia noi diciamo, e mettevano una recinzione, una recinzione di legno e dato che a San Barnabà c’erano tutti, chiudevano così perché facevano pagare l’entrata, altrimenti se non fosse stato chiuso non avrebbero pagato e allora... E invece a Carnevale no, però facevano festa diversi giorni e passavano, passavano con, noi la chiamiamo la souéri, era una cosa che si portava in due, e allora qui sotto si metteva un coso bianco, mettevano la polenta, portavano a spasso la polenta per la borgata e poi l’ultima domenica allora, la domenica dopo, si bruciava poi il Carnevale, voilà facevano bruciare il Carnevale.
Qui anche, noi lo festeggiamo ancora il Carnevale, lo facciamo qui tutti gli anni, ma siamo abbastanza, a volte siamo 40, 50 persone, facciamo anche la polenta e salsiccia, poi tutti portano dei dolci, portano di tutto, facciamo torte, bugie e voilà. Si, si facciamo ancora Carnevale, e lassù noi quando era Carnevale eravamo contenti perché facevamo festa, andavamo a ballare e altrimenti non c’erano poi mica tanti divertimenti e...
franco-provenzale [La féta ‘d Tsanouc] Sin Péir, Sin Péir, e pé i ë divis an tante d’aoute tsapéle, për ezémpi nous isì a i ë San Bazile, ou Coulombé i ë Sën Roc e Sën Bastiën, a Pavaioun a fën Sën Marsél e aou Moulé invéche a fën Sin Bërnabà. E invéche i aouti post a i ë pa ëd tsapéle, bélë aou Vërnéi, la Grënja, a i ë ‘d piloun paréi ma qu’a... e que ourë’ voloun fin-a tiréie anaou, tourna parlèna in po di piloun. Anaou a Pavaioun i ë Sën Marsél, nos a Sin Bërnabà e isé a i ë, ou Couloumbé i ë Sën Roc e Sën Bastiën, qu’a fën co la féta, si, si fën pa pi grëndi... A Pavaioun fën ancoura bastënsa ‘d féte, nvéche pi o méno si aou Couloumbé e a Vindroulére i dioun la mëssa, la mëssa e valà.
Për ezémpi a Quërlëvé a fazioun la poulénta, coume a fën ourë mac pi in quique post, fazioun la poulénta, pasàvoun a tsamé coun lou cavanh d’eus, ‘d touma, sën qu’a... magari n po ‘d vin... si, si a pasàvoun, peu a fazìoun féta grosa, si nos dou Moulé fazeun féta vairou dzouorn, e cant’a i ére l’ultima diméndzi ëd Quërlëvé a taiàvoun pe la téta aou dzal, tsontràvoun n dzal e pe alé a i masqueràvoun e peu coun la shabola andazioun taiéie la téta. E a Sën Marsél anque, s’ fàit ancoura bastënsa ëd féta, i ë përduse n po ma fën douì vir a Pavaioun, a i ë co Santa la Madaléna d’istà e i ë co i priour. Nvéche nos no, a Pavaioun i ë i priour e tuti i an, la féta é Sën Marsél, ma i ë co la Madaléna e al’épouca iché a cambiou i priour. A i é ina coubbia qu’i fàit i priour, i fàit dir la mëssa lou vir dop e ourganize la féta. E pe a Pavaioun a i ë ancoura bén, qu’a itou propi n’a pa tanti, séi pa vairou famie sarà, sinc ou ses, séi pa, però an in baroun rinjaie, i ë co ina bocchofila que d’istà a founsioune propi, no, no anque a mingé, a i é lou post anque a mingé sësanta stanta përsoune, anque ‘d pi. Peui i ë co ou ristourënt, ou i ë co ou ristourënt ou ite douvért to l’an, è un joû, l’ë rinjà bén, ma d’onhi modo touta rinja ël mizoun, co lou tsumin asfaltà...
Anque nous ou Moulé a i ére i priour e a i ére a Sin Bërnabà e aloura a piàvoun ina fia iché dla bourjà, qu’i éise avù dizdeut, vint an (dinfatti ma seur pi grënta, pi viélha avé pourtalo), aloura i preparàvoun in chëstin e din a butàvoun in arost e n po ‘d fioù paréi e a lou pourtàvoun da na famia a l’aouta e andazioun fin-a a Zgouitroù, Malacoumbët e iout aou Lourën, a partàvoun co... e l’an dop a douvioun far di la mëssa, però lour iché a balàvoun a sinc ora ëd séra, a i ére mac na pista fora, in airi nou diziënt e i butàvoun tot la chënta, la chënda ‘d boc e dato que a Sin Bërnabà i eroun tot, a saràvoun paréi përqué fazioun pagué a intré, altrimenti s’a i ére pa sarà pagavoun pa e aloura... E nvéche a Quërlëvé no, però a fazioun féta diversi dzouorn e a pasàvoun, a pasàvoun coun, séi pa la souéri nous dizën, a i ére in cozou qu’a pourtàvoun tra douì, e aloura iqué souta a butàvoun in cozou biënc, a butàvoun la poulénta, a pourtàvoun a spas la poulénta për la bourjà, e pe l’ultima diméndzi aloura, la diméndzi dop a bruzàvoun peui lou Quërlëvé, valà fazioun bruzé lou Quërlëvé.
Isè anque, nou lou fëzeun ancoura nous isé lou Quërlëvé, fëzeun isé aou Riën, tuti i an ma sën bastënsa, a volte sën caranta, sincanta përsoune, fëzeun co la poulénta e saoutissa, peui tuti a pòrtoun n po ‘d dous, a portoun tout a sort, fëzeun tourte, buzie e valà. Si, si fën ancoura Quërlëvé, anaou lai nos cant’a i ére Quërlëvé eriën countënt perqué fëzeun féta, andaziën balé e atriménti a i ére pa co tënti divertimën e...