Enti in rete L.482/99   

Mauro Remolif racconta Chiomonte

Mauro Remolif ou countë ‘d Shòoumoun

Testo a cura di Mauro Remolif

Mauro Remolif racconta Chiomonte
italiano TRADUZIONE IN ITALIANO
Allora, io mi chiamo Mauro Remolif, sono di Chiomonte. Chiomonte è un paese occitano, è il più estremo dell’Occitania. Il paese proprio più a levante. Confina a sud con Usseaux, a ponente con Exilles, a levante con Gravere che è un paese francoprovenzale e a nord con Giaglione che è un altro paese francoprovenzale. Chiomonte ha due borgate, una è Ramats che è all’indiritto e l’altra borgata è Frais che è collegata con Chiomonte con una seggiovia e in inverno si può andare a scivolare, è una borgata turistica.
Qui, dove siamo adesso, è il Peui, poggio in italiano, poi c’è il Cantoun che è vicino alla chiesa e poi c’è il Rìou che è dal lato di Exilles, la Porta di Francia. Chiomonte è ricca d’acqua e una volta c’erano sette fontane tutte del millecinquecento e servivano per tutti i quartieri di Chiomonte, erano messe all’incirca… ce n’era una al fondo del Peui, una al Cantoun, uno al Rìou e le altre anche divise per tutta la popolazione. Beh, qui vediamo una fontana formata da tre fontane diverse che erano dentro Chiomonte e poi le hanno spostate e le hanno messe qui. Qui si vede il delfino di Francia e poi là c’è anche il giglio. Questa è… c’è una pietra del millecinquecentosesantadue, la colonna di pietra è di un’altra fontana del milleottocentoottantotto ma è un po’ strana perché c’è quella figura antropomorfa, è un po’ diversa da tutte le altre che ci sono dentro Chiomonte. L’altra pietra mi sembra sia del millecinquecento e qualcosa.
Sì, Colombano Romean è stato un personaggio storico. Nei primi del millecinquecento, da solo, ha fatto un buco nella montagna per portare l’acqua dal Vallone di Tullie alle borgate di Ramats e anche alle borgate di Cels nel Comune di Exilles, perché una volta non c’era acqua ed era tutto secco e lui, da solo, in otto anni è riuscito a fare un buco e poi dicono che quelli di Chiomonte lo abbiano ucciso perché era troppo ricco.
Chiomonte è famosa per la vigna e anche sul suo stemma c’è il sole che fa maturare un grappolo di uva nera e un grappolo di uva bianca e poi c’è la scritta in francese: “Jamais sans tois” che vuol dire “mai senza di te”, perché se non c’è il sole i grappoli d’uva non maturano e una volta era famosa proprio in Chiomonte. La festa di Chiomonte è il venti gennaio, San Sebastiano, e ogni anno ci sono i priori e le priore che fanno ballare la pouento. La pouento è un… una volta c’era un albero, era come un bran che c’è nei paesi come Meana. Dicevano che erano gli alberi dei Celti. I giovani mettono i riban, che sarebbero dei nastri. Ogni famiglia dava i suoi nastri e li mettevano sulla pouento e poi, al suono della banda del paese, facevano girare la pouento e una volta era un’occasione per far festa. La facevano d’inverno perché la gente aveva più tempo e durava due o tre giorni.
occitan

(grafia dell'Escolo dóu Po)

Alouro mi m’mandou Mauro Remolif, a siou ad Chooumoû. Chooumoû l’éi un paì ositàn, l’éi ‘l plu innan de l’Ositanìo. Ël paì proppi plu a matìnë. Ou bouéino a meizhoù véi Oussò, a Vépre véi Nisilhe, a matìn véi Zheraso qu’éi un paì francoprouvensàl e a neut véi Zhilhoun qu’éi un aoutr paì francoprouvensàl. Chooumoû la lh’o due borzhà, uno l’éi l’Armà qu’i l’éi a l’andret e peui l’aoutro bourzhà l’éi ‘l Fréiso que l’éi coulegà véi Chooumoû véi uno seggiovia e d’uvér la s’po anâ fâ la couranshero, l’éi uno borzhà touristico.
Anté nou son euiro isì l’éi ël Peui, poggio in italiano, peui la lh’o ël Cantoun que l’éi prosh a dl’eigleizo e peui la lh’o ël Rìou que l’éi dou cair ad Nisilhe, la portë ad Franso. Chooumoû ou l’éi rish d’eigo e un cò la lh’ero set fountane toutte dou milesinson e la serviàn per tou lou cartìe ad Chooumoû, lh’eren bità poou pré… nh’éro uno ou foun dou Peui, uno ou Cantoun, uno ou Rìou e laz aoutre méi partazhà par toutto la poupoulasioun. Bè, isì viòn uno fountano que l’éi formà da tréi fountane diverse que i eran din Chooumoû e peui i laz an meirà e i z’an bità isì. Isì vion al delfino ad Franso e peui la lh’o méi al giglio. Col sì l’éi… la lh’o uno peiro qu’l’éi dou milosinsénsesandoû. la susho o péiroun l’éi d’uno aoutro fountano dou milvieusaneutanteut ma l’éi un paou drollo parqué la lh’o col figuro antropomorfo, l’éi un pòou diverso da toutte laz aoutre que la lh’o din Chooumo. L’aout peiro ‘m semblo l’éi dou milasinsan e cocaran.
Ouéi, Colombano Romean l’éi ità un persounazzhe istoriqque. Ant lou proumier dou milasinsan, tou sourét, ou l’a féit un partù din la mountènnho par pourtâ l’aigo dou valoun ad Touie a la borzhà dl’Armà e méi a la borzhà d’an Siaou que l’éi su la Comuna d’Nisilhe perqué un cò la lh’ero pa d’eigo e l’ér tou sec e iél tou sourét an ieut an ou l’i ribà fâ un partù e peui i disoun que a la fin quëllou ad Chooumû i l’an tuà perqué i l’ér tro risshe.
Chooumoû l’éi fameù per la vinho e méi su soun eicusoun la lh’o al sourélh qu’féi meirâ unë rappo ‘d reizìn nìe e unë rappo ad reizìn blan e peui la lh’o l’eicritto an fransé: “Jamais sans tois” que la vo dire “mai senza di te”, perqué se lh’éi pa al sourélh lou reizìn meiroun pa e un cò l’ér famoû proppi din Chooumoû. La feto ad Chooumoû l’éi al vin ad zhanvìe que l’éi San Bastian e toutti louz an lh’o loun prioû e la prioure que i fan balâ la pouento. La pouento l’éi un… un cò la lh’ér un aoubre, la lh’ér coum un bran que la lh’o din loun paî tipo Meano. Diziàn que la lh’éro l’aoubre dloun Celti. Loun zhouvan i bitoun loun riban qu’i sérian ‘d nastri. Shac familho dounavo soun riban e i loun bitavon sla pouento e peui, ou soun ‘d la bando dou pai, i fazìan virâ la pouento e un cò l’ér n’oucazioun par fâ feto. La fazìan d’uvér que la zhon i l’avian plu l’éizî e la duravo dou o tréi zhou.