Enti in rete L.482/99   

Dal libro “Proverbi e modi di dire dell’Alta Val Sangone” di Giuliano Ostorero
Proverbi sulla vita quotidiana e cenni di astronomia spicciola

Daou libe dou Giuliano Ostorero “Prouvérbi e manére ëd di dl'Aouta Val Sangoun”
Prouvérbi sula vita di tui li jorn e in poc d’astrounoumia

Testo e Video a cura di Paola Vai

Dal libro “Proverbi e modi di dire dell’Alta Val Sangone” di Giuliano OstoreroProverbi sulla vita quotidiana e cenni di astronomia spicciola
italiano Poi di proverbi riguardanti la vita quotidiana, ce ne sono tanti che però si possono trovare anche in altre parti d’Italia, in altri contesti, anche se alcuni si riferiscono al luogo. Per esempio si dice: a questo mondo c’è chi batte il cespuglio e chi prende la lepre. A questo mondo c’è chi fa il lavoro, lavora solo, e chi gode dei frutti, diciamo.
Oppure un altro detto locale è: da vivi a Giaveno, da morti a Coazze. Che si riferisce agli abitanti di Selvaggio, perché Selvaggio è un paese che appartiene al comune di Giaveno e come parrocchia è sotto Coazze, quindi da vivi bisogna far riferimento al comune di Giaveno [i nati vengono registrati a Giaveno], però da morti la parrocchia è a Coazze [i defunti sono sepolti nel cimitero di Coazze] e anche il cimitero è quello di Coazze per gli abitanti di Selvaggio di Sopra.
Ecco, invece un po’ di astronomia spicciola, come l’ho chiamata nel mio libro. Diciamo che le costellazioni e le stelle che hanno un nome nel nostro patois sono poche, però la più importante è la Puzinà, che sarebbe le Pléiadi, puzinà sarebbe la covata, l’hanno chiamata Covata perché le Pleiadi sono formate da sette stelle, sei sono vicine e l’altra è un po’ distaccata, e quindi sembra la chioccia con i pulcini e quindi l’hanno chiamata Covata.
Poi un’altra costellazione che è abbastanza individuabile è quella dei Tre Re, le tre stelle che si vedono d’inverno, la mattina, che fanno parte della costellazione di Orione, che sarebbe solo la Cintura di Orione, le tre stelle centrali e la costellazione. Qui vengono chiamati Tre Re, oppure in certi posti li chiamano in italiano i Re Magi.
Poi un’altra costellazione è quella dei Gemelli, li Parèi, sarebbe il paio, praticamente sono i Gemelli, sono le due stelle che vediamo il mattino e queste stelle vengono tenute in considerazione non tanto per l’orientamento, quanto per la misurazione del tempo, perché una volta che non c’erano gli orologi si faceva attenzione a quando tramontavano i Gemelli, era l’ora di mungere le bestie, le mucche, e quindi erano guardati per queste cose.
Infatti sui Gemelli c’è anche un proverbio che dice: i Gemelli alla Candelora vanno a dormire quando va a dormire la filatrice, cioè alle ore piccole.
Poi un’altra è la Via Lattea, che in patois si chiama “Strada di San Giacomo”, anche in italiano, in certi posti viene chiamata così, perché va da sud-est a nord-ovest e quindi è la direzione del Cammino di Santiago di Compostela, perciò la Via Lattea è nella stessa direzione del cammino di Santiago.
E poi un altro modo di dire locale sempre riferito all’astronomia è la “testata” del sole, che indica il solstizio d’estate, che sarebbe il punto in cui il sole raggiunge a mezzogiorno la massima altezza all’orizzonte, verso lo zenit e poi comincia di nuovo a calare, quindi è come se si avesse una testata nella volta celeste e poi tornasse indietro.
E infatti c’è un modo di dire locale: fino al 21 giugno tirano quelli di Coazze, poi dopo il 21 di giugno tirano quelli della Maddalena [di Giaveno]. La Maddalena si trova a sud rispetto a Coazze e quindi fino al 21 giugno è come se quelli di Coazze con una corda tirassero il sole verso di loro, verso l’alto, e poi dal 21 invece iniziano a tirare quelli della Maddalena e il sole scende a valle. E quindi il detto è questo.
franco-provenzale

Peui për la vita couotidiana i n’ët tënti que però appounto i s’ pòlount trouvésa anque in d’aoute part d’Italia, in d’aouti countést, anque se carcun i sount riferì aou louogo. Për ezémpi a s’ dit: a sa moundou a i ët sa qu’ou bàtat lou busoun e sa qu’ou chàpat la lèoura; cioè a questo mondo c’è chi scuote il cespuglio e chi prende la lepre. A sa moundou a i ët saquì qu’ou fait lou travai, ou travai mëc e peui l’aoutou qu’ou gòdat li froutti, dizouma.
Opura l’aoutou détto local a l’é: da viou an Javën e da mort an Couvase, perqué ou s’ referésat ai abitënt dou Servajou, perqué ou Servajou a l’é in pais qu’ou ést coume cumoun souta Javën però coume paroquia ou ést souta Couvase, couindi da viou ou doou referise aou cumoun ëd Javën però da mort la paroquia i ést an Couvase e anque ou semëntéri a l’é saquì ëd Couvase për li abitënt dou Servajou ëd Joure.
Ecco, invéche in po d’astronomia spicciola, coume l’éi chamala su moun lìber. Dizouma que le coustelasioun e le stéle que ën patouà nostou isì i eunt in nom i sount poque, però la pi impourtanta a l’é la Puzinà, que sërit le Pléiadi, puzinà sarebbe la covata, i eunt chamala Puzinà perqué le Pleiadi i ést fourmà da set stéle: sèis i sount anséma el’aouta i ést in po pi discoustà, couindi a zmit la seuta coun li puzin e couindi i eunt chamala la Puzinà.
Peui in aouta coustelasioun qu’i ést bastënsa individouabil a l’é li Trai Rai, le tre stéle qu’i s’ vèiount d’invérn, la matin, qu’i feunt part dela costellazione di Orione, qu’a sërit mac la Cintura di Orione, le tre stéle chentral e la coustelasioun. I vinount chamà isì Trai Rai opura anque in italien i s’ chàmount in chérti post i Re Magi.
Peui in aouta coustelasioun a l’é li Parèi, sarebbe il paio, praticamente sono i Gemelli, sono le due stelle che vediamo il mattino e se stéle isì i viniount tënù an counsiderasioun perqué, pa tënt cume ourientament ma coume mizourasioun dou tëns, perqué i érount tënù për ezémpi d’in vir que i érat pa le mostre, nourmalment i s’ bucàvat cante a tramountàvat li parèi, a l’érat l’oura de mounzë ël béstie, le vache, e couindi i érount vu për se coze isì.
Difatti li Parèi i ést co n’aoutou prouvérbi que më zmit ou dit: li Parèi ala Chandléra i vënt drumì quënt la filéra, i Gemelli alla Candelora vanno a dormire quando va a dormire la filatrice, cioè alle ore piccole.
Peui n’aouta choza la Via Lattea, que an patouà i s’ chàmat Vië’ ëd Sën Jacou anque an italian an chérti post i s’chàmat paréi, perqué douncoue i vait da sud-est a nord-ovest e couindi a l’é la diresioun dou “Cammino di Santiago di Compostela” e couindi la Via Lattea i e l’istésa diresioun dou cammino di Santiago.
E peui in aoutou modo de dir loucal sémpe riferì al’astrounoumia a l’é la Tupà dou soulèi, qu’a sarit la testata del sole, cioè a indìcat lou solstizio d’estate q’a sarit lou pounto que lou soulèi ou rùvat pi aoutou antou chèl vers lou dzenit e peui ou tàcat jamai a calè, coiundi a sarit coume vënìsat ina tupà anta volta cheléste e peui tournìsat arèi. E difatti loucal coume modo de dire a s’ dit: fin ai vintun ‘d junh a tìrat siquì ëd Couvase e peui d’apreù dou vintun ‘d junh a tìrat siquì dla Madléna. La Madléna i ést butà a sud rispet a Couvase e couindi fin aou vintun ‘d junh é coume siquì ’d Couvase coun ina corda i tirìsoun lou soulèi vers lour, vers amoun, e peui daou vintun invéche a tàcat a tiré siquì dla Madléna e ou soulèi vait aval. E couindi lou détto a l’è sasì.