Enti in rete L.482/99   

Dal libro “Proverbi e modi di dire dell'Alta Val Sangone” di Giuliano Ostorero
Proverbi sul tempo

Daou libe dou Giuliano Ostorero “Prouvérbi e manére ëd di dl'Aouta Val Sangoun”
Prouvérbi suou tëns

Testo e Video a cura di Paola Vai

Dal libro “Proverbi e modi di dire dell'Alta Val Sangone” di Giuliano OstoreroProverbi sul tempo
italiano

Poi altri proverbi che invece si riferiscono al calendario, al periodo dell’anno. Per esempio un detto del posto è ‘all’Annunciazione fuori le pecore dai prati’, perché il giorno dell’Annunciazione, il 25 marzo, nei canoni del paese c’era scritto, che quel giorno, il giorno dell’Annunciazione, definiva il periodo dell’anno in cui non si poteva più andare a pascolare nei terreni comunali, quindi il terreno del comune diventava di nuovo un terreno privato.
Poi altre cose che si riferiscono sempre al posto sono per esempio ‘se piove alla fiera di Pinerolo, fa bel tempo a quella di Giaveno’. La fiera di Pinerolo e quella di Giaveno sono a distanza di una settimana, l’ultimo lunedì di aprile e il primo lunedì di maggio, la fiera di Pinerolo è l’ultimo di aprile e la fiera di Giaveno il primo di maggio. Appunto si dice che in queste settimane normalmente il tempo cambia da una settimana all’altra.
Un altro proverbio, per esempio ‘chi non ha mai visto l’inferno vada alla Rizéra due mesi d’inverno’. La Rizéra è una zona nella valle di Coazze dove ci sono le fabbriche, ex fabbriche Sertorio [cartiera] e la chiamavano così probabilmente perché un tempo ci saranno state coltivazioni di riso, questo non lo so, comunque si chiama Rizéra, ed era un posto infame perché il sole d’inverno non si vedeva per un paio di mesi, quindi appunto chi non ha mai visto l’inferno, vada alla Rizéra due mesi d’inverno, proprio il massimo.
Poi altri proverbi... ora questi riguardavano il calendario, riguardo invece il tempo meteorologico si dice ‘miglioramento notturno non dura finché il pranzo è cotto’. Quando il tempo cambia di notte, ad esempio il giorno prima piove e durante la notte viene bello, il bello non dura, dura il tempo della mattinata poi, dopo mezzogiorno, diventa di nuovo brutto.
‘Niente neve sul grano, tanta paglia e poco pane’. Quando non nevica e quindi... si potrebbe tradurre con il proverbio italiano ‘sotto la neve pane’, perché se non c’è neve sul grano, il grano tende a gelare, quindi patisce, per cui verrà tanta paglia ma la spiga sarà vuota, quindi poco pane.
Un’altra cosa riferita proprio al posto è ‘quando la pioggia arriva da valle, tieni gli stivali a portata di mano’, perché quando il cattivo tempo arriva da sotto, per la nostra vallata quando arriva da est, normalmente arriva il brutto tempo, perché corrisponde al tempo, come si dice in meteorologia, condizione di stau o condizione di foehn, il foehn è sottovento, lo stau è sopravento, quando il brutto tempo in Val Sangone è chiuso a ovest e quindi arriva da sotto, le nuvole si ammucchiano contro le montagne e il cattivo tempo persiste. Invece quando il tempo brutto arriva dall’altra parte, quando arriva da ovest, normalmente noi siamo sottovento e si verifica... noi lo chiamiamo marin, perché arriva il vento caldo, sarebbe il foehn, vento di caduta che inizialmente è caldo. Infatti, normalmente, quando c’è questa condizione di vento e magari lascia cadere qualche goccia di pioggia, si parla della tuba dou vënt, in italiano tradotto sarebbe il fumo del vento, perché c’è una situazione... la perturbazione passa sopra, si accumula più a valle e quindi sopra sembra di veder passare del fumo che lascia cadere qualche goccia di pioggia.

franco-provenzale

Peui d’aouti prouvérbi que invéche i së riferìsount aou calendari, alou periodo dl’èn. Për ezémpi in detto qu’ou ést dou post a l’é ‘ala Nunsià fora ël chéoure danti pra’, cioè all’Annunciazione fuori le pecore dai prati, perqué aou vintesinc ëd mars qu’a i ët la Nunchasioun, propi dizouma anti canouni loucal dou pais a i érat scrit que sa jorn iquì, lou jorn dla Nounchasioun definît lou periodo dl’èn que a s’ pouit pa pi andé an pastura sui terén dou cumun, couindi ou terén dou cumun diventava di nuovo un terreno privato.
Peui d’aoute choze qu’i s’ riferìsount sémpe aou post a l’é për ezémpi ‘s’a piot a la fèiri ëd Pinareul, a soulàiat a saquì ëd Javën’, se piove alla fiera di Pinerolo, fa bel tempo a quella di Giaveno’. La fèiri ëd Pinareul e saquì ëd Javën i sount a distënsa d’ina sman-a, l’ultim dilun d’avril e ou prim dilun ëd maj, la fèiri ëd Pinareul é l’ultim d’avril e la fèiri ëd Javën lou prim ëd maj. Appounto a s’ dit que an së sman-ë iquì nourmalmént lou tëns ou ést divérs da ina sman-a a l’aouta.
Un altro proverbio, per esempio ‘sa qu’ou ot mai vu l’infern qu’ou alìsat ala Rizéra dui mes d’invérn’. La Rizéra è una zona nella valle di Coazze dove ci sono, Rizéra appounto antec a i ët ël fàbrique, l’ex fàbrique ëd Sartori e i la chamàvount la Rizéra perqué proubabilmént in bot a sarà stàit ëd coultivasioun ëd ris, sei pa lon, comouncoue i s’ chàmat Rizéra, e i érat in post infame perqué praticamént lou souléi d’invérn ou s’ vèiat pa për in paira ëd mes, quindi appunto chi non ha mai visto l’inferno, vada alla Rizéra due mesi d’inverno, propi ou massim.
Peui d’aouti prouvérbi... ura sisì i érount rigouard aou calendari, invéche ou tëns meteorològic a s’ dit ‘Arléva dla noch, i dur pa fin qu’lou dinè ou ést coch’. Quënte que ou tëns ou quëmbiat ëd noch, que për ezémpi lou jorn prima a piot e peui antla noch ou vìnat bèl però ou dùrat pa, ou dùrat ou tëns da matinà peui apré mezjorn ou vìnat jamai brut.
‘Parën ëd fioca sulou grën, tënta paî e pa vaire ëd pën’. Quënte a fiòcat pa e couindi... pouré traduse coun l’italian ‘sotto la neve pane’, perqué quënte a i ët pa ëd fioca sulou grën, lou grën ou téndat a gëlé, couindi ou patésat, per coui vin tënta paî ma peui la spî ést veuda, couindi pa vaire ëd pën.
In aouta choza referia propi aou post a l’é que ‘quënte la piovi i vìnat d’aval, tinte a pourtà li gambal’, perqué quënte lou catìou tëns ou rùvat da souta, për la nosta valada quënte ou rùvat da est, nourmalmént a rùvat lou brut tëns, perqué courispoùndat alou tëns coume a s’ dit urà an meteorologia, condizione di stau o condizione di foehn, il foehn è sottovento, lo stau è sopravento, quënte que lou tëns brut, antla Val Sangoun qu’i ést sarà a ovest, qu’ou rùvat da souta, le nébie i s’ambaroùnoun countra ël mountanhe e përsìstat lou catìou tëns. Invéche quënte lou tëns brut ou rùvat dal’aouta part, quënte ou rùvat da ovest, nourmalmént nouzaouti san souta vënt a i ët lou... nou a s’ dit lou marin, perqué a vìnat lou vënt chaoud, que ou sarìt ou foehn, vento di caduta que i primi tëns ou ést chaoud. Difatti nourmalmént a s’ dit ina coundisioun ëd vënt, quënte a i ët tëns paréi que magara ou làsat chasché car stise ëd piovi, a s’ dit la tuba dou vënt, an italian sarit tradotto il fumo del vento perqué a i ët ina situasioun... la përtourbasioun i pàsat joure, i vait a ambarounése pi aval e couindi jure a zmit ëd vére pasé ëd fum qu’ou làsat chasché bas dë stise ëd piovi