Enti in rete L.482/99   

Dal libro “Proverbi e modi di dire dell'Alta Val Sangone” di Giuliano Ostorero
Modi di dire del posto

Daou libe dou Giuliano Ostorero “Prouvérbi e manére ëd di dl'Aouta Val Sangoun”
Manére ëd di dou post

Testo e Video a cura di Paola Vai

Dal libro “Proverbi e modi di dire dell'Alta Val Sangone” di Giuliano OstoreroModi di dire del posto
italiano

Allora ho diviso il mio libro, il mio libro sui modi di dire e sui proverbi, in tre parti, in quattro parti anzi:
-i modi di dire veri e propri, cioè modi di dire che sono espressamente locali, quindi sono riferiti al territorio locale;
-poi i proverbi legati al calendario, alle parti dell’anno;
[i proverbi] legati al tempo meteorologico, alle condizioni del tempo;
-e poi [i proverbi] legati alla vita quotidiana e poi appunto anche un po’ di astronomia.

Riguardo i modi di dire, giusto per vederne qualcuno dirò quelli che sono proprio riferiti al territorio locale e che non possono essere diversi.
Ad esempio, quando uno è un po’ addormentato si dice ‘ha gli occhi in baschola’, baschola é una parola che c’è solo qui, che la maggior parte dei giovani non conosce più: si riferisce a un sacco che si metteva a tracolla per raccogliere l’erba, perché quando si andava all’erba, si diceva all’erba su a monte, proprio sulle montagne, quando si andava a raccogliere proprio in mezzo alle pietraie, si andava con queste sacche tenute a tracolla, in modo da poter portare l’erba a valle e poi fare dei mucchi più grossi. Appunto avere gli occhi in baschola, la baschola era un affare che dondolava, proprio come quando l’occhio dondola e la palpebra cade.
Oppure quando uno ha qualcosa che non va, ha problemi di salute si dice che ‘ha un ferro che dondola’, riferito al cavallo, il ferro di cavallo, ha un ferro che oscilla, come un cavallo che ha un ferro che si muove cammina male, della persona con problemi di salute si dice appunto così.
Un altro modo di dire caratteristico è ad esempio ‘mettere il campanello al gatto’. Il pregio maggiore del gatto è l’essere silenzioso, il non farsi sentire, mettere il campanello vuol dire rendere evidente a tutti una cosa che invece dovrebbe essere tenuta nascosta.
Un altro modo di dire caratteristico del posto è ‘le trote di Avigliana’ per indicare il maiale perché si racconta (un detto antico) che i frati di Avigliana dei Cappuccini, per poter mangiare la salsiccia in tempo di Quaresima, buttavano i maiali nel lago e poi li ripescavano con la rete, così potevano dire che erano pesci e potevano mangiare maiale durante la Quaresima.
Un altro modo di dire locale che è solo riferibile al posto è ‘tutto il mondo e la Maddalena [capoluogo della Valle del Tauneri, nel comune di Giaveno]’ per indicare l’universo mondo. Si dice tutto il mondo e la Maddalena perché nel gergo locale si dice che la Maddalena sarebbe un altro mondo, infatti, per indicare che si va alla Maddalena, si dice ‘vado in un altro mondo’ e allora, specificando tutto il mondo e la Maddalena, si intende proprio tutto il mondo.

franco-provenzale Aloura moun libe i éi dividulou, moun libe sui mod ëd dire e sui prouvérbi i éi dividulou an trai part, an cat part ansi:

-i modi di dire veri e propi, cioé manére ëd di carcoza qui sount spresamént loucal, couindi së riferìsat aou loucal;
-peui prouvérbi rigouard aou calendari, ale part dl’èn;
rigouard aou tëns meteorològic, le coundisioun dou tëns;
-e peui rigouard ala vita nourmal e peui appounto in po d’astronomia co.

Rigouard ai mod ëd dire, dizouma que ura mëc për vérne carcun i dioù siquì que i eunt addin dë mod ëd dire que i sount propi riferì aou loucal qu’i pòlount pa esi divérs.
Për ezémpi, quënte un ou ést in po ëndrumì a s’ dit ‘ou a i eui an baschola’, baschola ést ina parola que i ést mëc isì, que la majour part anque di jouve i la san pa pi: i ést riferit a in sac qu’ou s’ butàvat a tracolla për cuì l’érba, perqué quënte a s’andàvat al’érba, s’ dizit al’érba amoun, propi sul mountanhe, quënte a s’ andàvat a cuì propi in mez ai casé, alle pietraie noi diciamo, a s’andàvat coun sël choze isì que s’ poulit pourtése acol an manéri da poulé pourtéla aval e pi fe i baroun pi gro. Appounto avé i eui an baschola, la baschola i érat in afé qu’ou biaoutàvat, quindi dondolava, proprio come quando l’occhio dondola e la palpebra cade.
Opura, quënte un ou ést mal an arnes, për ezémpi a s’ dit ‘ou ot in fer qu’ou biàoutat’, cioé un ferro che oscilla, riferito al cavallo, il ferro di cavallo, ou ot in fer qu’ou biàoutat, couindi coume in caval qu’ou ot in fer qu’ou biàoutat que ou marchàt malamént la persoun-a mal an arnés a s’ dit appounto paréi.
In aoutou mod ëd dire caratesìstic për ezémpi ou ést ‘buté la sounai aou chat’, cioè mettere il campanello al gatto. Ou préjo pi gro dou chat é la silenziosità, ou pa fèse sëntì, butéi la sounai vot dire rénde evidént a tut ina choza que invéche dourit esi tënìa stërmà.
In aouta manéra ëd di qu’i ést carateristica dou post a l’é ‘le trute d’Aviën-a’ për andiqué lou crin, perqué a s’ dit que (in detto antico) i fra d’Aviën-a di Capusin për poulé mingé le saoutise antla Couarézima i tapàvount i crin antou lais e peui li pëschàvount coun la réte, paréi pouiount dire que a i érat in pës e pouiount mingé lou crin antla Couarézima.
In aoutou mod ëd dire dou post qu’ou ést mëc riferì aou post, a s’ dit ‘tou lou moundou e la Madlena’, për andiqué l’universo mondo, a s’ dit paréi tou lou moundou e la Madlena perqué antou gergo locale a s’ dit que la Madléna i sërit in aoutou moundou, difatti quënte a s’ dit ala Madlena, i aou ant’in aoutou moundou e aloura andiquënt tou lou moundou e la Madlena vot dire propi tout lou moundou.