Enti in rete L.482/99   

Giuliano Ostorero e il patois dell’Alta Val Sangone

Giuliano Ostorero e lou patouà dl’Aouta Val Sangoun

Testo e Video a cura di Paola Vai

Giuliano Ostorero e il patois dell’Alta Val Sangone
italiano TRADUZIONE DELL'INTERVISTA
Buona sera a tutti, mi chiamo Giuliano Ostorero, ho 56 anni e sono di Giaveno, però i miei erano di Coazze.
Io da piccolo, da bambino parlavo il giavenese, che è un dialetto abbastanza inquinato dal piemontese e dall’italiano, però i miei a casa parlavano tra loro il patois, quindi ho assorbito il patois e lo capivo, non lo parlavo ma lo capivo, capivo tutto.
Poi ho iniziato a parlarlo da più grande, quando andavo a scuola, perché i miei compagni erano tutti di Coazze e tra loro parlavano alla moda di Coazze e allora, per poter parlare con loro, mi sono dovuto adeguare e ho iniziato a parlarlo.
Qui in Val Sangone si parla appunto un patois francoprovenzale, che fa parte del ceppo francoprovenzale ed è parlato ancora nella parte alta della valle e in alcuni centri, ad esempio al Selvaggio, che è un po’ decentrato, è sotto il comune di Giaveno però è in un territorio un po’ isolato e quindi è più conservativo. Mentre nella parte bassa di Giaveno la parlata è più simile al piemontese che non al patois.
Diciamo che nell’alta valle solo poche persone parlano ancora il patois stretto e la caratteristica più importante è l’H aspirata al posto della S. Le zone in cui queste persone parlano appunto in questo modo sono le più conservatrici, la parte alta di Forno e dell’Indiritto. Per esempio la S viene sostituita dalla H aspirata quindi: la parola stanza è detta ihtënsia, o stella che a Coazze si dice stéla, su si dice ahtéla. Invece da Coazze verso valle si è appunto persa questa particolarità. Oltretutto a Coazze tante parole arcaiche sono state piemontesizzate. Ad esempio quando si dice i aou chëté ou proshoutto (vado a comprare il prosciutto), proshoutto una volta si diceva zhamboun, oppure i éi sëntù la siréna, la siréna si dice la corna, che deriva da cornetto, da soffiare: si dice ou vënt ou còrnat, il vento soffia e quindi è come se soffiasse in un corno. Poi altre parole come matita invece di cravioun; un tempo era papéi, adesso invece si dice carta. Oppure i nomi delle piante che si dicono in italiano ormai: acero al posto di pièia, l’ontano che era la vérna, la droza che invece adesso si dice ontano (ontano bianco), però diciamo che la maggior parte non sa più la differenza.
E ultimamente poi ho scritto un libro mettendo insieme un po’ di modi di dire, un po’ di proverbi per poter raccogliere ancora delle cose che alcuni, forse gli ultimi anziani ancora conoscevano e che i giovani non conoscono più, per poterne fare una raccolta e conservare qualcosa.
E quindi ho deciso di metterlo per iscritto, anche se non c’è ancora una grafia ben definita del francoprovenzale, però lo messo giù lo stesso come mi sembrava meglio, anche perché credo che l’importante sia raccogliere il materiale, metterlo per iscritto per poterlo conservare, poi il sistema... diciamo che si può trovare una grafia a posteriori.
franco-provenzale Boun-a séra a tuti, mi i m’ chamou Giuliano Ostorero, i éi sincanteséiz èn e i seui ëd Javën però i meui i érount ëd Couvase.
Mi da chitou, da méinà i parlavou ou javenés, qu’a l’é in patouà bastansa incouinà daou piemountés e dal’italian, però i meui a quë i parlàvount, antrë ‘d lour i parlàvount lou patouà, couindi mi i séi imprenhame dou patouà e i lou capioù, i lou parlavou pa però i lou capioù, i capioù tout. Peui i éi tacà a parlélou da pi da grënt quënte i andavou a scola que meui coumpanh antrë d’lour i érount tout ëd Couvase e parlàvount ala moda ëd Couvase, aloura mi për poulé parlé coun lour i éi douvume adegoué e i éi tacà a parlélou.
Isì an Val Sangoun appounto i s’ pàrlat lou patouà qu’a l’ét in francoproventsale, fait part dou chéppo francoproventsale e ou ést parlà ancoura antl’aouta part, antla part aouta dla valada e peui an chérti chéntri, për ezémpi aou Servajou que a l’ét in poc dechentrà, a l’é cumun ëd Javën però a l’é in teritori in po dechentrà couindi ou ést pi counservatour. Mentre invéche la part basa ëd Javën lou parlé ou ést pi simil aou piemountés que pa aou patouà.
Ura dizouma que antl’aouta valada propi poque përsoune i pàrlount ancoura lou patouà strèch e la carattéristica pi impourtënta a l’é l’H aspirata aou post dla S. Appounto së përsoune isì qu’i pàrlount a sa manéri isì a l’é le pi counservatris, la parte aouta dou Forn e dl’Adrèch. Për ezémpi la S i vìnat soustituì da ina H aspirata couindi: la parola stanza, istënsia, lour i diount ihtënsia, o stella que an Couvase a s’ dit stéla, moun i diount ahtéla. Invéche appounto da Couvase an aval i ést gë perduse sa particoularità isì. Oltretut an Couvase tënte parole véie i s’ diount gë piemountezizà. Për ezémpi quënte a s’ dit i aou chëté ou proshoutto, proshoutto in vir i s’ dizit zhamboun, opura i éi sëntù la siréna, la siréna invéche a dit la corna, qu’i derìvat da cournét, soffiare për ezémpi quënte a s’ dit ou vënt ou còrnat, il vento soffia e quindi è come se soffiasse in un corno. Peui d’aoute parole, për ezémpi matita invéche ëd cravioun, i érat papéi in vir, invéche ura i s’ dit carta. Opura i nom dël piante, për ezémpi l’achero i s’ diount an italian praticamént, l’achéro que invéche a s’ dit pièia, opura l’ontano qu’a l’ér la vérna, la droza que invéche ura a s’ dit co sémpe ontano bianco, però dizouma que la majour part i lou sa pa pi la diferénsi.
E ultimamént peui i éi scrivù in libe i éi butà anséma in po ëd modi di dire, in po ëd prouvérbi par poulé queuie ancoura ëd roba que chérti jan, i ultimi véi magari i lou saiount e i joû lou san pa pi, për poulé fe ina raccolta për poulé counservé carcoza. E couindi i éi dechidù d butélou për scrit, anque s’a i é pa ina grafia ancoura propi definìa dou francoproventsal, però i éi butalou bas coume më zmiàvat, e coume më zmiàvat ëd méi, anque perqué i créiou que l’impourtënt a sìsat d’arcuì le choze, dë butéle për ascrit da poudéle counservé, peui lou sistéma... diciamo che si può trovare una grafia a posteriori.