Enti in rete L.482/99   

Coazze

Couvase

Coazze
italiano

Il paese di Coazze, posto sul versante orografico sinistro dell’Alta Val Sangone, si sviluppa nel tratto conclusivo della valle, estendendo il suo territorio alpino nel Parco naturale Orsiera-Rocciavré. Il comune, con una superficie di 56,5 km² posta in una fascia altimetrica compresa tra i 750 m s.l.m. e gli oltre 2000 m s.l.m. (Monte Rubinet, 2679 m), conta oggi circa 3000 abitanti.
Le origini del suo nome sono state connesse erroneamente in passato, giocando sull’assonanza dei nomi, alle vicende dei vicini regni dei Cozii. Le prime attestazioni storiche certe, risalenti all’XI secolo, riportano i toponimi Couatiae, poi Covaceis. Secondo Rossebastiano (1) apparirebbe come continuazione del latino Covaceus, tra le cui varianti compare anche Covaz, dal latino cova, plurale di covum, ‘cavità, nascondiglio scavato’, qui unito al suffisso aceus.
A Coazze, paese di tradizione agro-pastorale, il dialetto francoprovenzale è ancora oggi ampiamente diffuso e possiede una discreta vitalità, sebbene stia aumentando tra i bambini originari del posto la percentuale di coloro che non ne possiedono una competenza attiva. Il territorio può essere suddiviso in linea generale in due aree linguistiche: la prima, che comprende le borgate della fascia montana (molte delle quali spopolate) in cui le parlate mantengono un carattere conservativo; la seconda, che include il capoluogo e gli insediamenti limitrofi il cui dialetto ha subito l’influenza delle correnti innovative del piemontese prima e dell’italiano dopo.
Il comune annovera un’infinità di caratteristiche borgate alpine disseminate intorno al capoluogo, il cui nucleo centrale è denominato dalla gente del posto Vilë’ (Villa). Si tratta di una zona tra le più frequentate, che raccoglie gli edifici istituzionali più importanti per la vita del paese: il Municipio vecchio (l’edificio che da alcuni anni ospita il Museo etnografico, l’Ecomuseo dell’Alta Val Sangone, il Labsol e l’Ufficio turistico), la Cappella della Confraternita (forse un tempo chiesa parrocchiale) situata in Piazza Gramsci (conosciuta come la Piazza a monte, poiché è, tra le piazze del paese, quella posta più in quota), il Tempio valdese e il Palazzo del Conte. Il Palazzo del Conte, l’attuale sede del Municipio, appartenne per secoli ai diversi signori locali (Feyditi, Sandritrotti, Falletti) e in seguito ai Gesuiti; fu poi acquistato dal comune nel 1964.
Di fronte al Municipio si erge il Tempio valdese, costruito nel 1878. Si narra che alcuni abitanti di stanza a Pinerolo per il servizio militare, si avvicinarono alla confessione valdese e una volta congedati fecero venire a Coazze un pastore per predicarne il culto. Non era tuttavia la prima volta che il paese conosceva il valdismo. Documenti storici riportano di una comunità valdese che viveva a Coazze alla fine del XIV secolo. Ciò a testimonianza dei frequenti contatti e scambi commerciali e culturali che il paese intratteneva con la vicina Val Chisone, nonostante appartenesse al territorio francese. I valichi delle due valli adiacenti (il Colle della Roussa a Coazze e il Colle del Besso, il Colle Ceresera e il Prà l’Abbà a Giaveno) segnarono, infatti, per molti secoli il confine politico (e religioso), tra Delfinato (poi Regno di Francia) e Regno Sabaudo, come testimoniano i resti ancora oggi visibili del bastione di San Moritio ubicato ai piedi del Colle della Roussa tra i due alpeggi dei Sellery (alpeggio Sellery a Monte e l’alpeggio Sellery a Valle), fatto erigere nel 1608 dal duca Carlo Emanuele I al fine di proteggere la valle da un’eventuale calata dell’esercito nemico.


(1)Riferimenti in Ivi, p.216.

franco-provenzale

Lou cumun ëd Couvase ou s’tróvat sla costa manchina dl’Aouta Val Sangoun, aou founs da valada e soun teritori ‘d mountanhi ou fach part dou Parc natural Orsiera-Rocciavré. Lou cumun ou ést grënd 56,5 km² e ou vait da 750 m d’aoutëssa a pi dë 2000 m (lou Rubinët, 2679 m), e an sa moumënt isì ou ot apeupré 3000 abitënt.
In bot a s’crît que lou nom ‘d Couvase, qu’ou zmiàvat a saquì di rai chéltic (Cozio), ou sìsat vistà lià propi a l’astoria di rénh di Cozzii qu’i s’trouvàvount arënda. Antou XI sécoul Couvase ou ést indicà anti documént stóric aveù lou nom Couatiae, e peui Covaceis. La studiouza Rossebastiano (1) i fach derivé lou nom daou latin cova (pi lou suffisso aceus, qu’i pórtat a Covaceus o Covaz), qu’a l’é lou plural ‘d covum, qu’a srìt in ’përtus për stërmése’.
Couvase a l’é-t-in pais ëd tradisioun countadin-a, andoua ël gën anta vita di tui li jorn i pàrlount incoura lou patouà francoprouvensal, béla se tënti meinà i lou capésount ma i sount pa pi boun a parlélou. Lou teritori ou pòt ése dividù an general an dié aree lingouìstique: dla prima àrea i fënt part ël bourjà da mountanhi (tënte abandounà), andoua a s’pàrlat incoura la lénga d’in bot, dla secounda i fënt part Couvase e ël bourjà arënda, andoua lou patouà ou ést in po mës-chà aveù lou piemountés e l’italiën.
Lou cumun ou ot tënte bourjà ‘d mountanhi qu’i sount spatarà suou teritòri avirënt. Lou chéntrou dou pais ou s’chàmat Vilë’ e a l’é-t-inë’ de zone pi frecouentà da ‘l gën dou post, perquè a i ët i edifìsi pi ampourtënt për la coumunità: lou Mounichipio Véi, andoua, da carqu’èn, a i ët lou Museo etnografico, l’Ecomuseo dl’Aouta Val Sangoun, lou Labsol e l’Ufìsi turìstic, la Chapèla da Counfratèrnita (que forse in bot i faît parrocchia) qu’i ést anta Piasi d’Amoun (la piasi pi amoun dou pais), lou Tèmpiou e lou Palèis dou Count. Ura antou Palèis dou Count a i ët la Cumuna, ma in bot a i érat la quë di znhour (Feyditi, Sandritrotti, Falletti) e peui, apré ‘d tënti sécoul, di Gesuiti que, antou 1964, i eunt vandulou aou cumun. Dadvën aou Mounichipio a i ët lou Tempiou valdés, qu’ou ést vistà fach antou 1878.
A s’cùntat quë carc jouva ‘d Couvase, qu’i faioùnt lou militar a Pinerolo, i eunt ancaminà a proufesé la counfesioun valdéza e quënte i sount tournà an Couvase i eunt fach amnì in pastour për poulé countinoué a alé an gézia evangelica. Ma a i érat pa lou prim bot que lou cumun ëd Couvase ou counhesît lou valdismo. Anti documént d’astoria a s’pàrlat d’ina coumunità valdéza qu’i vivît an- Couvase a la fin dou XIV sécoul. Sousì a dimostràt que a i ët sëmpe vistà d’ahquëmbi coumerchal e cultural aveù ël gën qu’i vistàount arënda an Val Quizoun, béla quënte la val i fît part dou teritori fransés. Lou Col da Rousa an Couvase, lou Col dou Bes, lou Col Cherzéra e lou Pra l’Abà an Javën i eunt marcà për tënti sécoul lou counfin poulìtic (e relijous) dou Regno Sabaudo coun lou Delfinato (apré Regno ëd Fransi). A l’é incoura pousìbil vére li rest dou fort ëd Sën Mourìsi, qu’ou s’tróvat ai pei dou Col da Rousa, an mes a l’Arp di Sërrì ‘d Joure e l’Arp di Sërrì ‘d Souta, e ou ést vistà fach antou 1608 daou duca Carlo Emanuele I, për proutége la valada dai atac di Fransés.


(1)Riferimént an Ivi, p.216.