Portal d’Occitània    Valli Occitane d'Italia

invia mail   print document in pdf format

Una cusina de montanha

I cibi delle feste e i dolci

Lo minjar de la fèsta e ilh douç

Tratto da: "Agend'òc" agenda celebrativa del Ventennale dell'IPSSAR "G.Donadio" di Dronero, traduzioni a cura di Gianna Bianco-Chambra d'òc

I cibi delle feste e i dolci
italiano Le feste erano l'occasione per dedicarsi anche nel cibo a ciò che non poteva essere abitudine quotidiana.
     Tra questi momenti di festa importanti erano le batialhas, spuntino dopo un battesimo, a base di raviòlas, gnocchi di farina, patate e toma, se era nato un bambino, mentre bastavano pane e formaggio per festeggiare una femmina.
     Solo per le nozze si allestiva un vero banchetto, anche con l'aiuto di una cuoca semi-professionista e di vasellame e a volte manodopera dei vicini. Alimento immancabile era il riso, ritenuto di buon augurio.
     Comparivano in queste occasioni tavole e stoviglie speciali e solitamente un suonatore di fisarmonica, per allietare i tempi lunghi della festa.
     Le nozze duravano infatti di solito due giorni, solitamente sabato e domenica, e si parlava di nòças e arnòças.

Le feste erano ovviamente le occasioni per sfoderare numerosi dolci.
Molto diffuso era il salame dolce.
Alla vigilia di Natale era abitudine consumare la panna montata, seguita dai "bigné". A capodanno si mangiava invece il pritin o ciciu, pupazzo di pasta dolce con sembianze umane e bottoni di mentine o a forma di galletto.
A carnevale, infine, si consumavano le bugie, le risòle (frittelle rigonfie ma vuote) ripiene di marmellata e le bignòle, mai sentito in òc è bignete con frittura dolce di mele

occitan Las fèstas eron l’ocasion per far de causas diferentas, decò dins lo minjar.
Na fèsta importanta eron las batialhas ente se fasion las raviòlas ambe farina, trífolas e toma quora era un filhet, e pan e formatge quora era na filheta.
Masque per las nòças s’aprestava un vèr disnar ambe l’ajua di vesins e magara decò de na vera cusiniera. Dins aquesta ocasion polia pas mancar lo ris per bòna chança.
La se pareavon taulas especialas, bo na claparia extraordinària e de costuma la lhi avia decò lo sonaire de semiton per far na bèla fèsta.
Se fasia nòças per dui jorns, lo sande e la diamenja, e se disia far nòças e renòças.

Dins las fèstas se fasion lhi dòuç, un d’aquesti era lo salam dòuç.
La velha de Chalendas la lhi avia la costuma de minjar la crama montaa. Lo prim de l’an, ensita, se minjava lo pritin o chicho, un chicho de pasta dòuça bo lhi botons fachs abo de mentinas, o a forma de jal.
A carnaval se fasion las risòlas vuidas o bo la marmelada, e las binhetas bo lhi poms.


Condividi