Portal d’Occitània    Valli Occitane d'Italia

invia mail   print document in pdf format

Una cusina de montanha

Il coriandolo

Lo coriande

Tratto da: "Agend'òc" agenda celebrativa del Ventennale dell'IPSSAR "G.Donadio" di Dronero, traduzioni a cura di Gianna Bianco-Chambra d'òc

Il coriandolo
italiano Pianta erbacea annuale, alta poco più di mezzo metro, che cresce spontanea in Africa Settentrionale e in Oriente. Ha foglie simili al prezzemolo e fiori bianchi e rosati, riuniti in ombrelle, usati in cucina e in farmacia (di base stimola la digestione).
Le foglie e i semi freschi hanno un aroma sgradevole, ma maturando i frutti (chiamati impropriamente semi) acquistano un profumo caldo e piacevole, tanto da essere utilizzati per insaporire arrosti, insaccati, pesce e verdure.
In Germania e Inghilterra viene utilizzato per aromatizzare la birra, in Olanda per togliere dalla bocca il cattivo odore del tabacco. È utilizzata nella preparazione dei pasti della Pasqua ebraica ed è l'ingrediente principale, in India, del curry.
I semi si raccolgono in giugno/luglio, al mattino quando ancora sono bagnati di rugiada.
I coriandoli carnevaleschi prendono il nome dai semi di questa pianta, rivestiti di zucchero, sostituiti in seguito da palline di gesso e ora da dischetti di carta.
occitan Planta erbosa anuala, auta mai o menc metz mètre que creis naturala en Àfrica dal nòrd e en Orient.
A las fuelhas coma lo persémol e de flors blanchas e ròsa a ombrèlas que son adobraas en cusina e en farmacia (van ben per la digestion).
Las fuelhas e la semença frèscha, an ren un bòn odor mas quora maüron lhi fruchs an un bòn perfum e venon adobrats per donar savor a la charn rostia, ai salams, al peis e a las verduras.
En Germània e en Anglatèrra s’adòbra per aromatizar la bierra e en Olanda per gavar lo gost dal tabac.
Es a la basa di plats de Pascas per lhi Ebrèus e dal curry en Índia.
La semença se cuelh a junh-lulh, lo matin, quora la lhi a encara la rosaa
Lhi coriandres de carnavals pilhon lo nom de la semença d’aquesta planta cubèrta de sucre, remplaçaa après da pichòtas balinas de gis e aüra d’aquilhi de papier colorat.

Condividi