occitan

Melodia e testo raccolti a Mens (Isère, Rhône-Alpes) da Julien Tiersot tra il 1895 e il 1900 e pubblicati in: “Chansons populaires recueillies dans les Alpes françaises (Savoie et Dauphiné)”. Al tempo della ricerca questo brano venne documentato come rigodon ma lo stesso Tiersot notava che la medesima aria veniva adattata a danze differenti e attestata in numerose regioni francesi. Nel nostro caso si tratta di una bourrée a due tempi.


Demeisèla que dançatz, qué tant ne’n fasatz la fière,

Demeisèla que dançatz, qué tant vos n’entortilhatz.

Ne’n vos entortilhatz pas tant, demeisèla, demeisèla,

Ne’n vos entortilhatz pas tant, que soi pas vòstre galant.

SIGNORINA

Signorina che danzate,che siete tanto orgogliosa ... / quanto vi dimenate.

Non dimenatevi tanto ... / che io non sono il vostro galante.