franco-provenzale

Una mazurca ma anche la rappresentazione bozzettistica di una delle feste più sentite nelle valli, e non solo: le feste nuziali che per rito e tradizione sono caratterizzate dall'abbondanza.

Ou veulount marià la fìi piu balla dël valaddes ‘d Lans

Qu’ëst una fieus a quë bouneur sou cou la pit ambras

Chantà é balà tre dì é tre nouat ma sensa mai quità

Beri é minjà la pansi piena sensa travaìa.

Sera e matin viva la spouza é tuti suë parent

Poulenta counsa, fricandò, galetes é pan bianc

Douan quë sat ‘dman la brinda ‘d vin i andrà pe prou a la fin

Viva la spouza, fin quë dur lou boutalin.

LA SPOSA

Vogliono sposare la ragazza più bella delle Valli di Lanzo / Che è un fiore e che fortuna ha chi la prende in braccio / Cantare e ballare tre giorni e tre notti senza mai smettere / Bere e mangiare, la pancia piena senza lavorare. / Sera e mattino viva la sposa e tutti i suoi parenti / Polenta concia, fritto di carne, biscotti e pane bianco / Prima che sia domani la brenta di vino andrà certo alla fine / Viva la sposa, finché dura il barilotto.