Enti in rete L.482/99   

Barbuiro

Barbuiro

Audio tratto da: “Polifonie d’oc - Couro la Cevìtou chanto” cd del gruppo corale “Corou de la Cevitou”

Barbuiro
italiano Canzone tradizionale in lingua occitana cantata durante il carnevale in Valle Stura.

Maschera

Siamo partiti dalle nostre case
che era già quasi sera.
Siamo venuti qui a cantare e suonare
donarvi la buonasera.

O buonasera signor padrone
e anche alla padrona.
Siamo venuti qui a cantare e suonare
senza chiedere il permesso.

E se volete donarci delle uova
della gallina rossa
tutte, tutte le mattine
sta sul nido a spingere.

E se volete donarci delle uova
della gallina bianca
tutte, tutte le mattine
sta sul coppo a cantare.

E se volete donarci delle uova
della gallina nera
tutte, tutte le mattine
sta lassù nel fienile.

Guarda quel fraticello
che è li sulla porta
lui aspetta il regalino
che la padrona gli porta

Ma quello non è un fraticello
è un succhia caramelle
a lui piace fare l’amore
con le ragazze belle

occitan Barbuiro(grafia Escolo dóou Po)

Sen partì da les noste caze
l’ero jo scazi sero.
Sen vengu isi a chantar e sounar
douna-vou la bono sero.

O bono sero senhour padroun,
e decò a la padrouno
Sen vengù isi a chantar e sounar
senso chamar lichenso.

E se voulè dounà-nous d’uou
de la jalino rouso,
tuchi, tuchi li matin
i es s’al ni que pouso.

E se voulè dounà-nous d’uou
de la jalino biancho
tuchi, tuchi li matin
i es sal coup que chanto.

E se voulè dounà-nous d’uou
de la jalino niero
tuchi, tuchi li matin
i es ilamoun s’la liero

Beico mec aquel fratouchin
qu’al es aquì s’la porto
nele atend lou regalin
que la padrouno i porto

Ma aquel aquì al es pas un fratouchin
l’ei un chucho carameles
nele i piai de far l’amour
bou les fietes beles