I lavori del bosco a Salbertrand

Così quando i lavori di campagna cominciavano a rallentare ed anche il calendario ricordava che si era ormai in ottobre, per non rimanere presi alla sprovvista dalla neve novembrina, era tempo di mettere la roncola alla cintola [“sul culo” nel testo]. Perciò se non si disponeva di un fondo a ceduo (e solo pochi potevano permetterselo), anche se a malavoglia, bisognava caricare la slitta in spalla e salire nei boschi comunali fino oltre le proprietà private [Il testo occitano differisce alquanto: “e se non avevi già una provvista di legno ceduo pronta, volere o no arrivava il momento di mettere la slitta sulla spalla e salire al bosco di Chapè o Clò Sambü”].

[…] Nel delimitare le zone di margine del lotto veniva tenuto conto anche di questo particolare [l’avvicinamento al punto di carico, ndc]. Nella maggioranza dei casi uno sbarramento arrestava la libera corsa dei tronchi nel canalone e li deviava in un tratto di culisse [canalizzazione di invio a valle dei tronchi, ndc] che li portava prossimi al punto di carico.

Pöü can lu travou ‘d la garigga i cumënsavän a mulā e l’armanà u t’fazìä ënsuvnī ke a otobrë se t’vuȓiä pā a t’fā atrapā du mouvē tën dla prumieȓa nhou ‘d nuvëmbrë, lä vëntavä bitā ‘l fusé sü ‘l kiu e s’t’avìä pā jò ‘n lünī ‘d bō dū prèstë, vurgheiȓë o pā lä ribavä ‘d bitā lä leiä sl’ipallä e muntā au bō ‘d Chapè o a Clò Sambü.
[…] Pär martlā ‘n lò i tënhàn mai contë ‘d k’lä füssë patän pinibblë ‘d purtā viä lu bō. Biën suvën can lä-z-puiä, ‘n paȓadèllë u diviavä lu bō can i disëndian din lu cumbā e u lu ënvaisiä din-z-ën tokkë ‘d culissë k’u lu mënavä procchë du puän ‘d charjä. 309
..