Enti in rete L.482/99   

Il nido

Ër nì

poesia di Erminio Lanteri Motin - Realdo

Il nido
italiano

Una volta, entrando nella batteria

del forte del Saccarello (1)

(abbandonato da tanti anni),

in un buco del muro

ho visto un nido,

forse di un piccolo tordo, con gli uccellini dentro.

Finalmente, mi sono detto,

che tanta spesa servisse a qualcosa!

E lo potessero vedere, e ne sarebbero contenti,

anche gli operai

che hanno lavorato qui al forte,

fatto per mandare fuoco e morte,

servire invece per proteggere un nido.

Come sarebbe bello, mi sono detto,

che tutti i forti e le rampe del mondo

si trasformassero un giorno

in nicchie per uccelli,

e le baionette in falci e roncole,

i fucili e i cannoni

in aratri e bidenti

per lavorare e coltivare questa terra!

Se tutte le frontiere si coprissero di fiori,

come al mese di Giugno

qui al Saccarello,

quando il verde dei prati

si abbina al rosa dei rododendri in fiore!


(1) È il monte più alto della Liguria e punto di confine amministrativo tra le province di Imperia e di Cuneo e

confine di Stato tra Italia e Francia.

occitan

Ën viagë, ëntrènd ën la bateria

dër fort dë Sciacarèe

(abandunà da tanti ani),

ënt’ ün garb dër müragn’

e hai višt ën nì,

fors d’ ën ciàar, cun i užëliti drint.

Finarmént, e m’ hai dìit,

chë tanta špéṡa sërvìs a chichërèn!

Ër péssu véiru, e li sërin cunténti,

anche i maištri

chë li han travaglià cusì ar fort,

fait për mandàa föög e mort,

sërvìi ‘nvèce pr’ asuštràa ‘n nì.

Com’ ër sëria bèe, e m’ hai dìit,

chë tüti i förti e e rampe dë štë mund

ën dì së trašfurméssu

ën armüssi pr’ užéli,

e e baiunéte ën mësuire e puére,

i šciöpi e canun

ën ciarǜe e magagli

për travagliàa e curtivàa šta tèra!

Tüte e fruntére së crüvìssu dë sciùu,

cum’ër méeṡ dë Giügn’

cusì ‘n Sciacarèe,

quand’ ër vérd di prai

s’abéssa ar röṡa di bërgugnun sciurìi!