Enti in rete L.482/99   

La semina

Ër sëmënàa

poesia di Erminio Lanteri Motin - Realdo

La semina
italiano

Quando arriva l’autunno

Annunciato dal vento del nord

Che cambia l’aria, da tiepida

In aria molto fredda,

O dal vento che spira dal Monte Bego (1)

Che porta il suono del fiume Beogna (2),

E la sua eco rimbalza tra le rocce

E le cenge del Saccarello (3),

È tempo di affidare il grano alla terra.

Il seme trattato (4),

Distribuito da mani veloci,

Finisce nella stoppia

Poi interrato con cura dalla vanga.

Il solco, tracciato dalla zappa,

Separa l’erbaccia dalla terra;

Le radici d’erba infestante tagliate di netto,

Non si nutrono più

Nella terra buona della fascia (5).

La semina è come un saluto,

Verso la terra e il campo,

Che abbandoniamo per un periodo;

Sarà la neve, che cadrà nell’inverno,

Che come una coltre calda,

Proteggerà il grano

Dal vento e dal gelo.


(1) Monte delle Alpi Marittimesituato nel massiccio del Mercantour, nel dipartimento delle Alpi Marittime

(Francia), presso la valle del Roya.

(2) Affluente del fiume Roya (Francia).

(3) È il monte più alto della Liguria e punto di confine amministrativo tra le province di Imperia e di Cuneo e

confine di Stato tra Italia e Francia.

(4) Alla lettera “medicato”, cioè trattato con solfato di rame, per evitare che marcisca.

(5) Appezzamento di terreno coltivato, ricavato su di un pendio attraverso un’opera di terrazzamento e soste-nuto da una scarpata erbosa o da un muro a secco. 

occitan

Quand l’ariva r’uutùnë

Anunsià dar vènt dë binda

Chë cangia r’aria, da cèpa

Ën bërlina gëràa,

O dar vènt chë tira dar Bégu

Chë porta ‘r son da Beogna

E fà rëštrunàa e roche

E e grae dër Sciacarèe,

L’é tèmp d’afidàa ‘r gran aa tèra.

A sëméns mëžinàa,

Dëštrëbuìa da man lèštre,

Finìscë tra i calüssi da štugia

E sutëràa cun döit dar magagl’.

A cavaréssa, traciàa daa sapa,

Sëpara a bunda dar garàcë;

E raìiže da žbarca, cupae néte,

Le në së nurisciu ciǜ

Ën la tèra bona da fascia.

Ër sëmënàa é com’ën salüt,

Vèrs a tèra e ‘r camp,

Ch’e abandunàm pr’ën tèmp;

La sërà a nèu, chë carërà ‘n l’üvèrn,

Chë com’ina cùtura cauda,

Prutegërà a graniglia

Dar vènt e dar gèe