Enti in rete L.482/99   

Saccarello (1)

Sciacarèe (1999)

poesia di Erminio Lanteri Motin - Realdo

Saccarello (1)
italiano

Spesso i miei occhi

sono attratti dalle tue rocce.

Per ogni stagione

hai un colore diverso.

D’inverno coperto di neve,

che mette un mantello bianco

sulle spalle del Redentore (2).

In primavera, le tue rocce

vengono circondate

dal verde dell’erba

che nasce lungo i poggi

e i ruscelli diventano bianchi per l’acqua

che nasce dalle tue sorgenti.

D’autunno diventi giallo,

e il sole illumina le tue rocce

macchiate dal verde dei pini.

Da piccolo, al mare,

ho avuto la fortuna

che da una finestra della mia scuola,

nelle giornate chiare,

ti potevo vedere nello sfondo blu del cielo.

Il mio sguardo ti cercava spesso.

Avevo bisogno di vederti.


(1) È il monte più alto della Liguria e punto di confine amministrativo tra le province di Imperia e di Cuneo e

confine di Stato tra Italia e Francia.

(2) Grande statua di bronzo raffigurante il Cristo Redentore e collocata sulla cima del Saccarello all’inizio del

Novecento.

occitan

Suvènt i méi ögli

sun atràiti dae téi roche.

Pr’ogni štagiun

ti hàa ‘n curùu dëfrènt.

D’üvèrn cüvèrt daa nèu,

chë mét ina mantëlina gianca

sciüe špale dër Sant.

Dë prima, e téi roche

végnu circundae

dar vérd dë r’èrba

chë špunta ‘n le valére

e i valun végnu gianchi dar’aigua

chë nascë dae surse.

D’uutùnë ti dëvèntu giàunë,

ër sùu ënlǜmina e roche

maciae dë vérd dai pin.

Da pëciun, ën bandìa, aa marina,

e hai avǜ a ciansa

chë da ‘n barcun da ma šcora,

ën le giurnae ciare,

e të pìa véiru ‘n lë blö dër cèlu.

Ër mé žguard të sërcava suvènt.

Avìa bëṡögn’ dë veirurté.