Enti in rete L.482/99   

Exilles raccontata dai coniugi Chiamberlando

Isilha countà da louz eipoû Chiamberlando

Testo a cura di Renato Sibille

Exilles raccontata dai coniugi Chiamberlando
italiano TRADUZIONE IN ITALIANO
Io sono nato a Poi (San Colombano) il 30 aprile del 1933. Ho visto tutta la guerra, i tedeschi, i fascisti, ci avevano portato via…
Quando quelli venivano su a Poi a suonare… gli alpini [del Forte di Exilles]. Ti ricordi che…
Ah, beh! Nel ’45, ’46 quando venivano a suonare lassù al dopolavoro quando c’era il dopolavoro.
Venivano a suonare, noi ballavamo. Eravamo ancora piccoli allora…
E, ma io… il solo divertimento era quello: un grammofono e, invece, mia moglie è nata il 4 febbraio del ’35.
E, ma sono andata a nascere al Poi eh! Sono nata al Poi.
Eh, l’ho conosciuta al Poi perché noi stavamo solo al Poi, non avevamo… non avevamo… he-he-he.
E tra noi, così, ci si innamorava e voilà!
A Ognissanti l’ho conosciuta, Ognissanti era, il giorno delle focacce a Ognissanti. Facevamo le focacce e poi andavamo nella stalla e ci siamo conosciuti così. Un po’ per volta, eh… un bacino tira l’altro, he-he-he. Exilles si trova… è il Comune; questo, tutto…
800, 850 metri d’altitudine
800 metri, 850. Poi ci sono le frazioni…
C’è il Cels.
Cels, Cels ha tre frazioni: c’è Rif, che è la prima borgata, tra due rii, tra due rii, poi c’è Morlieres, poi c’è Ruinas. Ruinas si chiamava così perché veniva sempre giù la frana, allora l’hanno denominata Ruinas. Tra due rii perché c’erano due rii che venivano giù nel rio e si univano lì a Lizé vicino al Forte. Lì si chiama Lizé, no? Lizé. Perché è venuto giù e si è fermato lì, ha fatto il Lizé, faceva un’ansa… ed è là che dentro il Forte che c’è adesso, dentro al pozzo è ancora l’acqua di lì che viene giù da Armeita. Poi l’alpeggio di Armeita c’erano loro, salivano su a l’Armeita, la Vincia, c’erano i partigiani, ci sono stati i partigiani d’inverno lassù alla Vincia e d’estate andavano poi a Clot Brun, passavano su di là o all’Amburnet, là non c’era la strada, c’erano solo sentieri pieni di rovi. Facevano una vitaccia che… andavano su a Thullie e poi a San Colombano, di qui a Poi (San Colombano) era già più comodo perché il terreno per andare… venire giù a far spesa non era scomodo ma, altrimenti, lassù si stava bene. I terreni sono più comodi lassù. Portare su il carico d’uva era faticoso, però il vino era buono quando andavi a spillarlo, sì che era buono, accidenti. Ne avremmo bevuto un fiasco al giorno, siamo capaci di berne un litro noi, adesso ne bevi quattro, cinque litri al giorno… era vero vino.
Quel vino era un vinello, un vinello…
Ma, quello era bere.
… ma era buono, eh!
Eh, ma perché non riesci più a bere vino tutti i giorni? Perché non c’è altro, bevevi come facevamo noi, come facevano tutti.
Se non c’è altro, giusto per bere un po’ di vino, c’è poco da fare.
E Deveys, Deveys sì, però Deveys mica tanto, poi hanno incominciato ad andare a gambe levate a lavorare all’Azienda (AEM). Da quando c’è stata l’Azienda andavano a lavorare. A Chiomonte c’è un po’ più gente, a Chiomonte c’erano ancora i tedeschi che andavano a tirare, poi c’è solo Mazzola, ce n’era all’inverso. Non c’è tanta gente per là. E’ così la vita quando… Exilles, Exilles beh, ce n’era… era popolata perché c’erano i soldati, altrimenti cosa c’era a Exilles? Tutte le case avevano dei negozi.
Era pieno di negozi per qui, perché c’erano i soldati.
E ciascuno faceva il suo lavoro, il suo mestiere, perché guadagnava qualcosa. I soldati venivano a fare i campi, a fare le manovre per prepararsi ad andare in guerra.
Sì.
I giovani sono tutti andati via: chi da una parte, chi in ferrovia, chi all’Azienda, chi alla FIAT e così… invece noi: noi siamo andati su e giù al Maria… [stava per dire Mariannina-Levi, il rifugio], al Viberti [Colonia-rifugio in località Grange della Valle].
Noi non siamo mai andati via da qui.
Siamo andati su e giù, siamo stati sei anni lassù al rifugio, poi siamo scesi qui, siamo rimasti qui dal ’62. Poi nel ’67 ci siamo trasferiti qui che ho buttato giù tutto e ricostruito.
C’era una casa vecchia, lui ha buttato giù tutto, ha rifatto tutto nuovo.
Nel ’67 ci siamo trasferiti qui, adesso siamo ancora qui.
Siamo ancora qui.
Al cimitero, c’è anche l’altra villa che è pronta e che ci aspetta, he-he-he.
occitan

(grafia dell'Escolo dóu Po)

Mi sioù neisù ou Poi ël 30 d’abrìe dou 1933. L’èi vì tou la guèr, lou tedesque, lou fashista, nou avìa pourtà vî la…
Cant i vniàn amou ou Poi a sounâ quëllou… louz alpìn. T’an souèna que…
Ah, beh! Dou ’45, ’46 cant I venìan sounà iciaou ou dopolavoro cant l’avìa ël dopolavoro.
Venìan sounâ, nou nou balavon. Nou l’eran ancâ pshìs antlour…
E, ma mi… mac ël divertimén l’èr qué: un grammofono e , invece, la fénnë i l’i neisùa ël 4 ad fiourìe dou ’35.
E, ma sioù anà neisù ou Poi eh! Sioù neisù ou Poi.
Eh, l’èi couneisùë ou Poi perquè nou eran mac iciòou ou Poi, l’avia pa… l’avia pa… he-he-he.
E tra noi, parei, s’anamoravo e voualà!
A Tousan l’èi couneisù, Tousan l’èr, ël zhoù ‘d la fougasa Tousan. Fazìa la fougasa e peui anava din l’eitabblë e nou san couneisù parìe. Un paou par cò, eh… un bazìn tîr l’aoutrë, he-he-he. Isilha la s’trova… l’èi la comùna, icìan tout…
800, 850 metre d’altitudine
800 metre, 850. Peui lh’a la frasioùn…
Lh’a ël Cels.
An Sèo. An Sèo la nh’a tréi frasioùn: nh’a ou Rìou, l’èi ‘l proumìe bourzhà, tra doue rìou, tra dou rioû, peui la nh’a la Mou(r)ièra, peui la nh’a ou Rouinà. Ou Rouinà la s’mandav Rouinà perquè la vnèi cioù a la rouìna, alour i l’an dizè ou Rouinà. Tra dou rìou perqué avî dou rìou que vnìan avàl ou rioù e I s’ounìan icì ou Lizé, taquè dou Shatè. Icì la s’dî ël Lizé, naou, Lizé. Perqué ou l’I vangoù avàl e ou s’è plantè icì ou l’a fài ël Lizé, la fazî n’ar… e l’I ilai que addin dou Shatè que la nh’a ieuir, din ël pous l’I anca(r) l’èigue d’icì qu’i ven avàl dl’Armaita. Peui la mountannha dl’Armaita la nh’avìe iellou I mountavan amoùn a l’Armaita, la Vince, nh’avî lou partigiàn, siou ità lou partigiàn d’uvêr iciàou a la Vince e d’istà l’anavan peui ou Clot Brun, I pasavan amoun d’ilai… o l’Ambourné, ilà nh’avî pa ’d shimìn nh’avî mac tout ‘d la via plén da rounza. Fazìa peui ‘d vitasa iellou isì que… I anavan amoù ou Tuiye e pe a San Couloumbàn d’isì, amoù ou Poi nh’èr già plu coumod ancar perqué ël terén l’I par anâ… avnî aval a fâ speiza que l’èr pe macoumoddë ma traman diféran iciaou la s’itav bien. Ël terén l’i plu coumoddë ancar iciàou. Pourtâ amoun la mandà qu’I’èr dû, però ‘l vin ou nh’èr boun can t’anava tirâ ‘l vin si qu’ou nh’èr boun, madocina. Nou n’aourìan n’an bevùë ‘n fiasco par zhou, nou san biòou ‘d n’an bior un littre nou, ieuir na beuià catr sinc littre par zhou… l’èr ‘d vin.
Què vin la fazî ‘n vinot pshit, que vin qu’ou l’i pshì…
Ma, icì qu’ou bùvìa.
…ma ou l’èr boun, eh.
Eh, ma tu perqué ‘t sava pa biour ‘l vin tou lou zhou? Perqué nh’è pa d’aour e t’beuvià mai ma qu’i fazìa nouzaoutre, ma qu’i fazian tous.
Se la lh’a pa d’aour zhoust par bior un paou ‘d vin, nh’a poc da fâ.
E ou Dvai, Dvai sì, però Dvai pa tant peui l’an arcoumansà gamb arvà a travalhâ a l’Azienda. Sourtì l’Azienda anavan travalhâ. Shaoumoùn nh’i un pòou plu ‘d zhan, Shaoumoùn nh’ i anca lou tedesque qu’i anavan tirâ peui, nh’i mac ‘l Mazzola, nh’avìe a l’anvèr. Nh’a pa tan ‘d zhan atravè(r). l’i parî la vittë cantë… Isiya, Isiya beh, nh’èr… la nh’er populà perqué avî lou sooudar, antramont qu’nh’avî a Isiya, tou la mezoun l’avìan ad negosi.
I l’èr plan ad negosi tout par icì, parqué nh’avî lou sooudar.
E shacun fazî soun travà, soun meitìe perqué ganhava cocaran. Lou sooudar venìan fâ ad campi, fâ ad maneuvre par s’aprestâ par anâ la guèrë.
Ouéi.
Lou zhouve I soun tous anà vìa: qui d’un quèir, qui an ferouvìe, qui a l’Azienda, qui a la FIAT e parî… invece nou: nou san anà amoun e aval ou Maria…, ou Viberti.
Nou nou san zhomèi anâ via d’isì.
San anà amou e aval, san ità séiz an iciàou ou rifugio, peui nou san deisandù isì, san restà icì dou ’62. Peui dou ’67 nou san tramudà isì qu’èi foutù aval tout, arfài.
La lh’èr un barac vëlhë, iè ou l’a tout foutù aval, ou l’a tout fèitë novë.
Dou ’67 nou san tramudà isì, euir nou san car isì, eh.
San ca isì.
Ou sëmountàou, ou sëmenteuriou lh’a mèi l’aoutr villë que l’I prestë que nouz atàn, he-he-he.