Portal d’Occitània    Letteratura occitana

invia mail   print document in pdf format

Franco Bronzat - Poesie

Dea madre

Déessa maire

Dea madre
italiano Ascoltami,
questo giorno che muore
come i miei occhi nel tuo cuore
come terra dimenticata dal suo popolo
dove le case torneranno
nelle tue braccia, Dea madre
degli uomini
tu che fai crescere
l’erba dei prati, il grano dei campi,
tu stessa che scolpita nella roccia viva
sei sepolta sotto la crosta
d’argilla di questo luogo
dimmi se questo giorno sarà
l’ultimo degli ultimi?
Dea prendimi sul tuo corpo
come una ragazza
mi prenderebbe baciandomi
con le sue labbra color fragola
incorniciate da lunghi capelli castani
per portarmi nella terra
dove i morti sono vivi
che pregano sole e luna
e maghi e fate
danzano nelle radure
fermandosi sotto gli antichi roveri
vicino agli altari incisi di croci
predicendo il giorno in cui
i vivi saranno morti
senza volerlo sapere.
I miei occhi nel tuo cuore
Dea e ragazza
per vedere se quel giorno
sarà quello predetto
dove le nostre ceneri
con la povera terra
diranno ancora di no a te
Madre, e in quel giorno
t’abbraccerò
e darò la scalata con te
al cielo a cavalcioni d’un
arcobaleno dai mille colori.
occitan Escota-me
cest jorn qu’al muor 
com mos uèlhs dins ton cuèr,
com terra eissubliaa de son puèple
adont los caseis tornarèn
dins tos braç, Déessa Maire
dals òmes,
tu que te fas creisser
l’erba dals prats,
tu mesma que escultaa
dins la ròcha viusa
te sias enterraa de sos la crosta
d'arziela de cest luòc
ditz-me se cest jorn al sarè
le darrier dals darriers?
Déessa, pren me sus ton còrs
comà una mendiá
ilh me preneriá en me baisent
abó sas labras color de la maiossa
encoronaa de longs piels chastanhs
per me portar dins le país
adont los morts ilhs sion vius
que preian solelh e luna
e sorciers e fantinas
dançan al mei de las blachas
en se ferment de sos los velhs róures
dapè los autals marcats de crotz
en predizent le jorn que
los vius ilhs saren morts
sença ze volguer saber.
Mos uèlhs dins ton cuèr
Déessa e Mendiá
per véer se quel jorn
al sarè quel predit
adont nostras cenres
abó la paura terra
las dizaren encara de non a tu,
Maire, mas en quel jorn
t’embraçarei, Déessa Mendiá
e montarei abó tu
al ciel a gargalha d’un
arc-en-ciel de las mila colors.
(1971)