Portal d’Occitània    Letteratura occitana

invia mail   print document in pdf format

Franco Bronzat - Poesie

Le campane suonano per noi

Las clochas sonan per nos

Le campane suonano per noi
italiano Questa notte le campane
suonano per noi, per noi
che siamo morti
con gli occhi sbarrati,
siamo morti dentro,
nel cuore, nella testa
ormai vuota, senza idee.
Sulla strada della città
abbiamo lasciato il nostro bagaglio:
un fazzoletto di seta
legato ad un bastone di nocciolo.
Era pieno di cose vive,
belle, cose della nostra terra.
Lo abbiamo cambiato per una valigia di cuoio
, nuova, lucente, piena
di divertimenti luccicanti
come specchi.
Come ci siamo
rallegrati per ciò
che abbiamo visto là dentro,
come ci chiamava
quel mondo che
ancora non conoscevamo.
Siamo corsi a lui
con l’inesperienza
della nostra gioventù,
dei nostri vent’anni.
Neons, colori, tutto era bello,
le auto passavano veloci,
le vetrine erano ricche
e noi in giro
affamati di sapere e di conoscere
quando a casa nostra
sapevamo tutto e di tutti.
Le conoscenze erano
tutte interessate
e le nostre anime
erano già intaccate
da questa vita:
correvamo dietro
ad un convolvolo che sapeva
di assenzio.
Ora alle prime nevi
andiamo e veniamo
avanti e indietro balbettando
qualche parola,
l’essenziale per spiegarci,
come tutti gli altri
lavoriamo, mangiamo, spendiamo.
Siamo attrezzi da far danzare
tutto il giorno. Siamo morti
anche noi, siamo morti
con gli occhi sbarrati
per aver visto troppo
e lassù al paese,
questa notte
le campane suonano per noi..
occitan Cèsta nuèit las clòchas
sonan per nos,
per nos que 'os siem morts
abó los uèlhs esglaiats.
Siem morts dedins,
dins le cuèr, dins la tèsta
dosaüra vuèida, sença ideás.
Sel chamin de la viela
'os avem laissat nòstre trocel:
un mochaor de seá
gropat a un baston d'aulanhier.
Al era plen de chausas viusas,
bèlas, chausas de nòstre país.
L'avem chanjat
per una valisa de cuòr,
nova, luzenta, plena
d'amusaments brilhants
comà de miralhs.
O, comà'os se siem
alegrats per çò que'os
avem vist ailai dedins!
comà nos sonava
quel mond que'os
conoissiam pas encara;
siem corrut a el
abó l'inexperiença
de nòstra jovença,
de nòstres vint ans:
Neòns, colors, tot er' bel,
las veituras passavan vite,
las veirinas las eran richas
e nos a la vironda
afamats de saber e de conoisser
quand al nòstre país
'os sabiam tot e de tuts.
Las conissenças las eran
totas enteressaas
e nòstras anmas
las eran ja un pauc entemenaas
de cèsta vita:
'os corriam arreire
a una corriòla qu'ilh aviá
gost d'ussenc.
Aüra a las primieras neás
'os anim e venem
arrant e arreire en legalient
qualqua paraula,
l'essencial per s'explicar,
comà tuts los autres
'os trabalhem, minjem, despensem,
'os siem de muèbles de far dançar
tot le jorn, 'os siem morts
dequò nosautres, 'os siem morts
abo los uèlhs esglaiats
per aguer tròp vist
e aiquiat al país,
cèsta nuèit,
las clòchas sonan per nos. (1971)