Portal d’Occitània    Letteratura occitana

invia mail   print document in pdf format

Franco Bronzat - Poesie

Nella notte

Dins la nuèit

Nella notte
italiano Ho udito nella notte
i tuoi passi correre per il vicolo,
in fretta, senza lasciare
orme sulla polvere
che copre le pietre de lastricato.
Hai tagliato il mio corpo,
rimescolato le mie interiora,
messo la vipera regina
e letto
oracolo per un popolo:
le teste di pietra
non ci proteggono più
e non ci insegnano più nulla.
Ci hanno chiuso la bocca
e tagliato la lingua,
il sangue ha bagnato
prati e campi.
Fiori in un giorno di festa
lunghi capelli intrecciati a foglie
di rovere e sul forcone
la vipera dalla cresta rossa.
Il maggio era piantato,
la destra ballava
Belgarda, Rocca della Lombarda,
il Truc, la Bercha,
fuochi, giovani che suonano il corno,
le ceneri le daremo al vento
e ridaremo vita.
Madre dove è la ragazza
e l’asina per migrare
al luogo di ieri, di oggi, di domani?
Il bagaglio è pronto
e la via sicura.
occitan Aic auvit dins la nuèit
tos pas correr la guindana,
en pressa, sença laissar
de peaas sus la possiera
que cruèb las peiras dal pavat.
T’as talhat mon còrs,
bodivat mos boeaus,
butat la vipra reina
e leiùt
oracle per un puèple.
Las tèstas de peiras
las gardan pas mai
e las mostran pas mai gis.
Ilhs nos avian clavat la gola
e copat la lenga,
le sang al a arrosat
prats e champs.
Flors dins un jorn de festa,
longs piels enmelats a fuèlhas
de ròure e sus la forcha
la vipra de la tèsta roia.
Le “mai” al era plantat,
la dreita dançava:
Belgarda, Ròcha de la Lombarda,
le Truc, la Bèrcha,
fuòcs, joves qu’ilhs còrnan.
Las cenres las donarem a l’aura
e ’os redonarem vita.
Maire adont ilh es la mendiá
e la sauma per meirar
al luòc d’aier, d’ancuèi, de deman? l
e trocel al es prest,
la viá ilh es segura. (1972)