Portal d’Occitània    Letteratura occitana

invia mail   print document in pdf format

Franco Bronzat - Poesie

Preghiera dimenticata

Preiera eissubliaa

Preghiera dimenticata
italiano Giocavi con le stelle
correvi dietro all’ombra della luna
e ti sei persa
nella più oscura notte.
Dea, tu, ma gli altri
dove sono andati?
Sgranando
occhi nostalgici
che vedono notti folli,
dei riccioli scarmigliati
da mani che ora sono giunte,
come non può il mio cuore
rinnovare nuovamente la mia preghiera
umilmente,
sull’altare della speranza
pietra e tavola
madre, dea, ragazza
dove avevo l’agnello
ucciso e versato il rosso
in te, terra,
per un giorno, che sventura
non è ancora giunto.
Ma quando, quando
ti grida la mia voce
levata al cielo,
con lo spirito
scompigliato, nascosto
nel grande pericolo
che il mio grido non sia altro
che un alito dimenticato.
Madre, dea, ragazza,
ascoltami, oggi
che può essere ieri,
abbiamo bisogno di te
calda, bella, viva,
libera più che mai,
così ti vogliamo: Occitania.
occitan Te joaves abó las estielas
te coriás darreire l’ombra de la luna
e te siás perduá
dins la nuèit plus escura.
Déessa, tu, mas los autri
adont sion ilhs anats?
En escarquilhent
d’uèlhs estantats
qu’ilhs veon de nuèits fòlas,
de verilhas enveliás
de mans que aüra sion jontias,
com pòl pas mon cuèr
renovèlar mai ma preiera,
le chapel a la man,
sus l’autal de l’esperança
peira e taula
maire, déessa, mendiá
adont aviu l’anhel blanc
sanhat e versat le roi
dins tu, tèrra,
per un jorn, que malaür
al es pas encara vengut.
Mas quand, quand
te bralha ma votz
levaa al ciel,
abó le sentiment
embrolhat, enfraschat
dins le grand perilh
que mon bram siè ren
que un alenc eissubliat
Maire, déessa, mendiá,
escota me, encuèi
qu’al pòl èsser ier,
avém besonh de tu
chauda, bèla, viusa,
libra mai que jamai,
parelh te volém: Occitaniá.
(1972)