Portal Francoprovensal    Francoprouvensal

invia mail   print document in pdf format

I mestieri itineranti

Li meustè itinérant.

di Roberta Ferraris

I mestieri itineranti
italiano L'aumento demografico verificatosi nelle vallate di montagna nella seconda metà del XIX secolo provocò la fine di un'economia rurale basata esclusivamente sulla coltivazione e sull'allevamento. I valligiani si resero conto che ciò che riuscivano a fatica a trarre dal territorio non bastava più a coprire il fabbisogno dell'intera comunità e furono così costretti in inverno a scendere in pianura, dove era possibile intraprendere mestieri con cui integrare il loro reddito. Altri, invece di scendere verso la pianura Padana - incoraggiati dalla comunanza linguistica - scelsero di varcare i confini per esportare le loro abilità artigianali tra le popolazioni di quel territorio d'oltralpe con cui avevano una storia e un patrimonio culturale condivisi.
Tra i mestieri itineranti intrapresi vale la pena ricordare i chiodaioli, i pettinatori di canapa, gli zoccolai, gli arrotini, i venditori di tela e di sementi, i calderai o «magnin». La produzione di paioli e altri utensili di rame da parte delle popolazioni francoprovenzali affonda le radici nel Medioevo, e le tracce lasciate sul territorio da questa attività esistono tutt'oggi sotto forma di fucine, sentieri di accesso alle miniere, derivazioni d'acqua. La radicazione di questa tradizione sul territorio è forte ancora oggi: perché non vada perduta, ad Alpette, in val Locana, è nata la Scuola del rame, per trasmettere alle nuove generazioni i segreti della lavorazione di questo metallo. Oltre al rame, ha avuto un posto di rilievo anche l'estrazione di altri metalli quali ferro e oro e di minerali come marmo e talco.
Negli ultimi decenni sono stati attrezzati vari musei tematici dedicati alle attività tradizionali. Alla tessitura è dedicato l'Ecomuseo dell'alta val Sangone, mentre il centro visitatori del Parco nazionale del Gran Paradiso a Locana, è dedicato allo spazzacamino: una testimonianza di un ingrato mestiere spesso riservato ai ragazzini.

franco-provenzale L'aoumènt dla poupoulasioùn vérificà ënt ël valadë ëd mountanhi ënt la scounda métà doou XIX sécoul ou i eu prouvoucà la fin ëd n'écounoumia rural bazaia ésclouzivameunt zla coultivasioùn é zl'alévameunt. Li valigeun ou sont réndù count quë seun cou pìivount a to tanta fatiga da la tèra è bastavet pi nhint a meuntinì touta la coumunità, parèi ou sount istà coustrèt ën invèrn a sèndri ënt la piana eundoua ou i èret pousibil fa eud meusté  cou intégravount lou rédit. D'aoutri, eunvéchë ëd sèndri vèrs la piana -euncouragìa da la coumuneunsi lingouistica- ou i ont dèchidù ëd pasà li counfìn për pourtà ël coumpétènsi eurtijanal doou tèritori vèrs ël tèrë cou i avont 'na storia é ën pëtrimoni coultural simil.
Tra li meustè itinérant è mèritet ricourdà lou travai dli quioudaiël, queurdatoù ëd chènoou, li soucoulé, li moulitta, li vénditoù eud tèila é dë z'meunt, li manhìn. La proudousioùn ëd raminë é aoutri utènsil d'aram è i eust part dla coultura dlë poupoulasioùn francoprouvénsal fin daou Médioévo é euncoù euncui ël trasë lasìë soou tèritori da 'stë atività ou 's vèiount euncoù ënt lë fuzinë, ënt li séntè ëd lë minérë, ënt ël dèrivasioùn dl'aiva. La treudisioùn ëd treuvaì l'aram è i eust euncoù viva euncui: për nhint pèrdla ad Alpeutte, vizìn a Loucana, è i eust naia l' "Ëscola doou Ram" për trazmeuttri al neuvë génèrasioùn li ségrét ëd la lavourasioùn ëd 'sto métal. 'Na grosa eumpourteunsi ou i eu avù eud co l'éstrasioùn d'aoutri métal, coume fèr è or é ëd minéral coume marmou é talco.
Ënt lh'ultim an ou sount istà atrésìa divèrsi mouzèi tématic dédicà ar z'atività trëdisiounal. A la tèsitura ou i ont dédicà l'"Ecomouzéo dl'aouta val Seungoun", méntre lou chéntro vizitatoù doou Parc Neusiounal doou Greun Përadis, a Loucana, ou i eust dédicà a lou spachafournèl: 'na tèstimounieunsi d'ën travai souveunt fait da li manhà.