Portal Francoprovensal    Francoprouvensal

invia mail   print document in pdf format

La baita, cascina di montagna

Ël mueundë: casinë eud mountanhi.

di Roberta Ferraris

La baita, cascina di montagna
italiano La caratteristica che accomuna tutte le abitazioni degli stanziamenti francoprovenzali, dalle case del fondovalle alle baite d'alta montagna, è l'uso degli stessi materiali: pietra estratta dalle cave della zona, e legno, solitamente larice. Le borgate d'alta quota, costruite da montanari la cui economia era basata sulla pastorizia, rispondevano a un'esigenza prioritaria: l'autosufficienza. Generazioni di pastori costruirono queste baite ben conoscendo il totale isolamento che il lungo inverno avrebbe portato con sé. La borgata doveva quindi prevedere quanto era indispensabile alla sopravvivenza della comunità e che dalla comunità sarebbe stato condiviso: il forno, il torchio, il mulino, l'abbeveratoio. Nulla poteva essere lasciato al caso in condizioni così difficili: un insediamento doveva avere buona esposizione al sole, moderata pendenza del terreno, presenza di sorgenti, riparo dalle valanghe.
Il tetto delle baite era ricoperto da grandi lastre di pietra locale, le lose, provenienti da rocce scistose stratificate, che presentavano numerosi vantaggi, non da ultimo la durata eccezionale nel tempo. Le lose infatti, resistendo per secoli, potevano essere prelevate da vecchie costruzioni ormai in disuso, per essere trasferite a nuove abitazioni. La travatura del tetto era solitamente realizzata in larice, fatto stagionare per un anno prima dell'utilizzo.
La distribuzione interna ricalcava quasi sempre lo stesso schema: al piano terra si trovavano cantina e stalla, fornita di un pagliericcio di foglie di faggio per accogliere la famiglia che vi si radunava per trascorrere le rigide serate invernali nel tepore assicurato dalla presenza del bestiame. La parte sovrastante era occupata dalla cucina e dalle camere da letto, mentre l'ultimo piano era adibito a solaio e fienile.  

franco-provenzale La caratéristica qu'ès treuvet ën toutë ër z'abitasioùn ëd li steunsiamënt francoprouvénsal, dal queu ëd basa val a sëlle d'aouta mountanhi è i eust l'utilis ëd li stès meutérial: pèra cavaia ënt la dzona é lou bosc, soulitameunt maleujjou. Ël freusioùn d'aouta mountanhi, coustruìë da geun a to n'écounoumia bazaia zla peustourisia, ou reuspoundount a n'ézigènsi foundaméntal: l'aouto sufichènsi. Générasioùn ëd bérgì ou i ont coustruì 'stë baite cunheusënt lou toutal izoulameunt quë lou lounc invèrn ou i arit pourtà. Ël bourgà douvont avè tout seun qu'è sérvèit për la soupravivènsi ëd la coumunità é quë tuiti ou douvont coundividri: lou foueurn, lou torch, lou mulìn, la fountana a to lou leuvatoio. Nhènte è pouèt èstri lasìa a l'improuvizasioùn, ën coundisioun si difichil: l'insédiameunt ou douvèt avè 'na bouna éspouzisioùn aou soulèi, èstri cazi ën pieun, avè carcquë sourgènt ënt li dëntoueurn é èstri riparà dal valeunguë
Lou cuèrt dël queu ou i èret fait da grosë lastrë ëd pèra loucal, ël lozë, cou vinivount da cavë  ëd rochi shistozë stratificaië cou pourtavount tènti veuntajou, ën peurticoular la durà ënt 'oou tèn. Di fati ël lozë, rézisteunt peur sécoul, ou pouvont èstri pìië da vieuië coustrousioùn pi nhint utilizaië, peur èstri treusférië ën neuvë coustrousioùn. Li trà doou cuèrt ou i èrount soulitameunt fait eun maleujjou, steujounà peur n'an pruma d'èstri utilizà.
La distribousioùn euntèrna è i avèt cazi seumper l'istès squéma: aou pieun térèn ou 's treuvount la crota é lou bèou fournìa da paiasë ëd foië ëd foou për la famìi cou 's ritrouvavet touta éisì peur pasà la frèida noit invérnal aou chaoud dël bèstië. Ëd dzeuri ès trouavet la cuzina é ër zë steunsië, mèntrë a l'ultim pieun è i avèt lou soulè peur butà lou fèn