Portal Francoprovensal    Francoprouvensal

invia mail   print document in pdf format

La tradizione letteraria

La trëdisioun lètéraria

di Roberta Ferraris

La tradizione letteraria
italiano Le popolazioni alpine non pensarono mai di codificare e scrivere la lingua che parlavano in famiglia e nei rapporti con la comunità locale. Era il francese la lingua delle istituzioni e dei rapporti con l'esterno. Tuttavia fu a Lione - città che nel Medioevo raggiunse un livello notevole di espansione economica e culturale - che il francoprovenzale si affermò anche come lingua letteraria nelle opere di Marguerite d'Oingt, monaca certosina vissuta nella seconda metà del XIII secolo. Di origini aristocratiche, fu priora della certosa di Poleteins, non lontano da Lione. Scrisse in latino la Pagina meditationum e in francoprovenzale due opere poetiche, Li Via seiti Biatrix, virgina de Ornaciu (Vita della santa Beatrice vergine di Ornacieux) e lo  Speculum (Lo specchio). Altrettanto fiorente la produzione letteraria  che si ebbe in Svizzera, concentrata tra il XVI e il XVII secolo, trascorso il quale il francoprovenzale iniziò un lento declino che lo portò a cedere totalmente il passo al francese. Diversa la situazione sul versante italiano delle Alpi, dove i primi testi letterari in francoprovenzale ebbero diffusione solo nel XIX secolo. In val d'Aosta, l'Abbé Jean Baptiste Cerlogne raggiunse una certa notorietà come autore di canti natalizi e di un popolare almanacco. Attualmente la produzione letteraria trova la sua espressione in poesie, commedie e canzoni che nascono da un rinnovato desiderio di riscoperta delle proprie radici culturali, ed evidenziano la volontà di dare un nuovo impulso ad una lingua che per troppo tempo era stata relegata alla trasmissione esclusivamente orale.    
franco-provenzale

Ël poupoulasioùn ëlpinë ou i ont mai pènsà ëd coudificà é scriri la lènga cou deuscouront ën famìi é ënt li raport avè la coumunità loucal. Lou frënséis ou i èrët la lènga ëd lë istitousioùn é ëd li raport vèrs l'éstérno.

Ma è t'istà a Lione- sità quë ënt 'oou Médioévo è i eu vèou 'na grosa 'éspansioùn économica é coultural- quë lou francoprouvénsal ou s'eu aférmà coume lènga létéraria, ënt li travai eud Marguerite d'Oingt, mounia chértozina  vivua ënt la scounda métà doou XIII sécoul. D'ourigin aristoucratique è t'istà eud co prioura dla Certosa eud Poleteis, nhint lounh da Lione. È i eu scrit ën lëtìn la "Pagina meditationum" é eun francoprouvénsal douë opérë pouétique "Li Via seiti Biatrix, virgina de Ornaciu" é lou "Speculum". N'aoutrou tant rica è t'istaia la proudousioun létéraria zvisra, counchéntraia tra lou XVI é lou XVII sécoul, pasà sé tèn lou francouprouvénsal ou i eu ëncaminà 'na lènta décadeunsi quë ou l'eu pourtà a chèdri toutalmeunt lou pas aou frënséis. Divèrsa la sitouasioùn soou vérsant italiën dleu-z-Alp, eundoua li prum tèst létérari eun francoprouvénsal ou i ont avù difouzioùn meuc ënt 'oou sécoul XIX. Ën Val d'Ousta, l' Abbé Jean Baptiste Cerlogne ou i eu vèou 'na chérta noutouriétà nhint meuc coume aoutoùr eud cheunsoùn natalisië é d'eun poupoular eurmanac, ma più eud tout për avè fait (për lou prum vì) 'na grammatica é ën disiounari ën francoprouvénsal.

Aou dì d'euncui,  la proudousioùn létéraria è trëvet la soua ésprésioùn ën pouézië, coumédië è chënsoùn cou naiount da ën neu dézidéri ëd deuscruvì ël proprië rèis coultural, fazènt vè la voulountà ëd dounà 'na neuva énérgia a 'na lènga quë për tro tèn è t'istaia rélégaia a la trëzmisioun ésclouzivameunt oural.