Portal Francoprovensal    Francoprouvensal

invia mail   print document in pdf format

Un'isola linguistica in Puglia: Celle S. Vito e Faeto

N'izoula lingouistica ën Puglia: Celle S. Vito e Faeto

di Roberta Ferraris

Un'isola linguistica in Puglia: Celle S. Vito e Faeto
italiano Come sia giunta così a Sud una comunità francoprovenzale è tema sui cui gli studiosi dibattono. L’ipotesi più accreditata è quella che suppone la colonizzazione di alcuni territori della Daunia da parte di milizie al seguito di Carlo d’Angiò, impegnate a sopprimere la resistenza di Lucera, fedele agli svevi nell’ambito della guerra per la successione al ducato di Puglia, al regno di Sicilia e al ducato di Capua. Dopo la caduta di Lucera, nella seconda metà del XIII secolo, la popolazione cristiana fu trucidata, quella musulmana resa schiava, e il territorio ripopolato dai mercenari e dalle loro famiglie, provenienti dall’area linguistica francoprovenzale.
franco-provenzale Li Coumun ëd Celle San Vito é Faeto ou coustitouèsount 'na coulonia lingouistica ëd l'épouca "angioina" (ëntoueurn aou 1262). Dopo ën tèribil asédio li morou ou i èrount riusì a eumpeudrounise ëd Lucera è ou l'avont butaia a fèr é fua. Parèi  lou rè Carlo d'Angiò ou i eu fait vinì da la Freunsi ëd countadìn peur asicurà lou ripoupoulameunt ëd la sità é ëd lë queumpanhe. Da talë imigrasioùn, ëd prouvènieunsi dal réjoùn prouvénsal é francoprouvénsal, è peut èstri atribuìia l'ézistènsi é la sopravivènsi  ëd lv peurladë chértameunt gallo-romanze ën' l'arèa ëd la capitanata.