Enti in rete L.482/99   

Giacomo Dalmasso “Jaco Gròs” racconta...

La chiamata

La chamaa

dal libro "Giacomo Dalmasso Jaco Gròs racconta..." di Daniele Dalmasso

La chiamata
italiano

Negli anni trenta, ogni giovane maschio che aveva compiuto i diciotto anni, aveva l’obbligo di partecipare ai corsi premilitari che erano propedeutici al servizio militare vero e proprio.

Al compimento del mio diciottesimo anno, toccò pure a me.

Per noi i corsi si svolgevano a S.Dalmazzo di Tenda, dove andai una volta la settimana per alcuni mesi.

Più tardi fui chiamato a visita e per due anni risultai rivedibile perché avevo l’ernia inguinale, ma siccome mi dava fastidio e con l’ernia non potevo neanche più svolgere i normali lavori di tutti i giorni, decisi di farmi operare e così fu.

Mi operarono al vecchio ospedale di Cuneo. A quei tempi era tutto a pagamento, poiché la mutua era appena agli albori e la maggior parte della popolazione ne era sprovvista, quindi i miei pagarono di tasca loro tutte le spese mediche dovute, ma cercarono di non farlo sapere troppo in giro per evitare le dicerie dei vicini, che ci avrebbero creduto pieni di soldi.

Quando arrivai dall’ospedale rimasi qualche giorno in convalescenza, ma subito dopo tornai a fare il mio lavoro di garzone.

In quanto al servizio militare speravo che non mi chiamassero più, ma mi sbagliavo, dopo poco tempo richiamarono i rivedibili e questa volta risultai abile.

Quando al tetto arrivò la cartolina di chiamata, io ero in Francia con i David, i miei genitori quindi me la inoltrarono lì.

Sopra stava scritto che dovevo presentarmi il tal giorno al Distretto Militare di Cuneo.

Non passò molto tempo che la data arrivò. Mi recai nel luogo indicato e nel giro di alcune ore passai a Mondovì per la vestizione.

Dovevo fare l’alpino.

La vestizione si svolse a Mondovì Piazza in una grande caserma degli alpini molto affollata, piena di giovani come me che arrivavano un po’ da tutta l’Italia.

Proprio in quella occasione incontrai un ragazzo proveniente anche lui dalla mia zona, un certo Letu d’Brin.

In realtà, Letu, non lo conoscevo, ma mentre formavamo le file per ricevere i vari pezzi della divisa, dove da una parte c’era chi ti dava le camicie e dall’altra chi ti dava i pantaloni o le scarpe, ad un certo punto sentii pronunciare le sue generalità e capii che eravamo della stessa zona.

Gli chiesi: “Di dove sei?”. Lui mi rispose: “Di Limone, frazione Panice!”. Io gli dissi che ero di Vernante e per quel giorno ci facemmo un po’ di compagnia.

Fu la prima persona della valle che incontrai.

All’epoca però, non conoscevo praticamente nessuno dei giovani di Vernante, né tanto meno quelli di Limone o di Robilante.

Sarà che dai quattordici anni in poi sono sempre stato coi malgari, lontano da casa, dalla mia famiglia e dalle amicizie del paese, ragion per cui iniziai a conoscere i miei coetanei proprio durante il servizio militare.

Durante la vestizione, alcune taglie già iniziavano a scarseggiare, era una vera e propria corsa agli indumenti.

Quello che ti mancava o che per scarsità di misure non ti andava, lo prendevi da un altro e le tecniche erano le più varie, dall’intrattenimento con discorsi dissuasivi, alla minaccia con la forza di chi era più grande e grosso di te e cose di questo genere.

Per mia fortuna io conoscevo il magazziniere, un certo Morena di Limone, figlio dell’allora messo comunale che abitava vicino al peso pubblico e così riuscii a farmi mettere da parte qualche indumento della mia misura.

Già da questi semplici episodi si capiva che l’Italia era impreparata per affrontare una guerra, ma purtroppo ce n’accorgemmo tutti più tardi.

A Mondovì all’epoca, funzionava ancora la vecchia funicolare che portava da Breo a Piazza. La presi solo alcune volte perché andavamo spesso a piedi, ma ricordo che una volta arrivati in cima partivano quattro strade: una prendeva a sinistra verso il Belvedere, una a destra in direzione Frabosa, un’altra arrivava da sotto ed era quella da cui sbucavo quando si andava a piedi, mentre la strada che appariva di fronte era quella che portava dritti alla caserma.

All’inizio mi destinarono al Btg. Valle Ellero, che accoglieva, oltre ai normali richiamati abili di prima, anche chi come me era stato rivedibile più volte e più tardi, pare addirittura per il richiamo dei riformati.

Eravamo nel ‘38, la guerra in Europa sarebbe scoppiata l’anno dopo, ma c’erano già tutti i presupposti ben evidenti, l’Italia si sarebbe dichiarata non belligerante, ma qualcuno già subodorava il nostro impiego nel conflitto che ormai si percepiva imminente.

Il Btg. Valle Ellero, credo fu creato ad hoc per meglio gestire il gran numero di giovani in partenza per la naia.

Migliu del Martinet, un ragazzo di Vernante della mia stessa età, ma che partì un anno e mezzo prima di me perché abile alla prima visita, se ne andò in congedo quando io iniziai. Ci salutammo.

Poco più tardi dal Btg. Valle Ellero passai in forza alla decima compagnia del Btg. Mondovì, 1° reggimento alpino.

occitan

Dins lhi ans trenta, chasque jove mascle qu’avia acomplit lhi dètz-e-uech ans, avia l’òblig de participar ai cors premilitars que eren de preparacion al servici militar ver e pròpi.

Arribat a lhi miei dètz-e-uech ans, truchec decò a mi.

Per nosautri lhi cors se debanaven a S.Dalmaç de Tenda, ente anero un bòt a la setmana per una man de mes.

Pus tard foguero chamat a la vísita e per dui ans resultero revisible perqué aviu l’èrnia engüinala, mas dal moment que me donava gena e embe l’èrnia poliu pas nimanc pus far lhi trabalhs normals de tuiti lhi jorns, decidero de me far operar e com aquò foguec.

Me opereren a lo vielh ospital de Coni. En aquilhi temps era tot a pagament, daus que l’assistença era just al començament e la pus gròssa part de la populacion l’avia pas, donca mi parents pagueren de sacòcha totas las espesas medicalas deguas, mas cercheren de pas lo far saber tròp en vir per evitar lo mormoriar di vesins, que nos aurien cregut plens de sòuds.

Quora arribero da l’ospital restero qualque jorn a repaus, mas just après tornero a far mon trabalh de garçon.

Al regard dal servici militar esperavo que me chamessen pus, mas m’embruelhavo, après pauc de temp rechameren lhi revisibles e aquest bòt foguero judicat àbil.

Quora al teit arribec la cartolina, iu ero en França embe lhi David, mi parents donca me la faseren arrubar aquí.

Dessús la lhi era escrit que me deviu presentar lo tal jorn a lo Distrect Militar de Coni.

Passec gaire de temp que la data arribec. Anero ental luec indicat e dins lo vir de na man d’oras passero a Mondvì per la vesticion.

Deviu far l’alpin.

La vesticion se debanec a Mondvì Plaça dins na granda casèrna de lhi alpins plena borraa, la lhi avia un baron de joves coma mi que arribaven un pauc da tota l’Itàlia.

Pròpi ent’aquela ocasion encontrero un filh que venia decò ele da mon cant, un cèrt Leto d’Brin.

En realitat, Leto, lo conoissiu pas, mas entant que formaviam las filas per recéber lhi divèrs tòcs de la divisa, ente da un cant lhi avia qui te donava las chamisas e da l’autre qui te donava las braias o lhi chauciers, d’un crep auvero prononciar sas generalitat e capiero qu’eriam de la mesma zòna.

Lhi demandero: “D’ente sies?”. Ele me respondec: “De Limon, fraccion Panitz!”. Iu lhi disero que ero dal Vernant e per aquel jorn nos fasérem un pauc de companhia.

Foguec la premiera persona de la valada que encontrero.

Mas a l’època, conoissiu practicament pas degun di joves dal Vernant, ni tant menc aquilhi de Limon o de Robilant.

Serè que dai catòrze ans en anant ero totjorn estat abo lhi marguiers, luenh da maison, da ma familha e da las amistats dal país, pr’aquò començero a conóisser mi coscrits pròpi al servici militar.

Durant la vesticion, qualquas talhas já tacaven a escarsejar, era na vera e pròpria corsa a las vestimentas.

Aquò que te mancava o que per escarsessa de mesuras t’anava ren, lo pilhaves da n’autre e las manieras eren las pus diferentas, da l’entreteniment embe discors per distraire, a la menaça embe la fòrça de qui era mai grand e gròs de tu e causas d’aqueste tipe.

Per bonaür iu conoissiu lo magazinier, un cèrt Morena de Limon, filh de l’alora messo comunal que istava da cant al pes públic e com aquò arrubero a me far butar da part qualquaren de ma mesura.

Já d’aquisti simples episòdis se comprenia que l’Itàlia era pas apareaa per afrontar na guèrra, mas malaürosament se n’apercebérem tuiti mai tard.

A Mondvì a l’època, marchava encara la vielha funicolara que portava da Breo a Plaça. La pilhero masque na man de viras perqué anaviam sovent a pè, mas enaviso que na vira arrubats a la poncha partien quatre charrieras: una prenia a manchina vèrs lo Belvedere, una a dreita en direccion Frabosa, un’autra arribava dessot e l’era aquela da la qual sautavo fòra quora s’anava a pè, dal temp que la via que pareissia de frònt era aquela que portava dreit a la casèrna.

Al començament me destineren al Btg. Val Ellero, que aculhia, en pus di normals rechamats àbils de prima, decò qui coma mi era estat revisible mai de bots e la semelha que pus tard, aie ospitat decò lhi reformats rechamats.

Eriam dins lo ‘38, la guèrra en Euròpa seria esclopaa l’an d’après, mas lhi avia já tuiti lhi senhals ben evidents, l’Itàlia se seria declaraa pas combatenta, mas qualqu’un já nuflava nòstre engatge dins la batalha que de bèl avant se percebia imminenta.

Lo Btg. Val Ellero, creo foguec fait expressament per mielh gerir lo gròs numre de joves en partença per la nàia.

Milho dal Martinet, un filh de Vernant de ma lèva, mas que partec un an e metz denant de iu perqué àbil de prima, se n’anec en conget quora iu començero. Nos saludérem.

Pauc pus tard dal Btg. Val Ellero passero en fòrça a la desena companhia dal Btg. Mondvì, 1° regiment alpins.


La chiamata

La chamaa

dal libro "Giacomo Dalmasso Jaco Gròs racconta..." di Daniele Dalmasso

La chiamata
italiano

Negli anni trenta, ogni giovane maschio che aveva compiuto i diciotto anni, aveva l’obbligo di partecipare ai corsi premilitari che erano propedeutici al servizio militare vero e proprio.

Al compimento del mio diciottesimo anno, toccò pure a me.

Per noi i corsi si svolgevano a S.Dalmazzo di Tenda, dove andai una volta la settimana per alcuni mesi.

Più tardi fui chiamato a visita e per due anni risultai rivedibile perché avevo l’ernia inguinale, ma siccome mi dava fastidio e con l’ernia non potevo neanche più svolgere i normali lavori di tutti i giorni, decisi di farmi operare e così fu.

Mi operarono al vecchio ospedale di Cuneo. A quei tempi era tutto a pagamento, poiché la mutua era appena agli albori e la maggior parte della popolazione ne era sprovvista, quindi i miei pagarono di tasca loro tutte le spese mediche dovute, ma cercarono di non farlo sapere troppo in giro per evitare le dicerie dei vicini, che ci avrebbero creduto pieni di soldi.

Quando arrivai dall’ospedale rimasi qualche giorno in convalescenza, ma subito dopo tornai a fare il mio lavoro di garzone.

In quanto al servizio militare speravo che non mi chiamassero più, ma mi sbagliavo, dopo poco tempo richiamarono i rivedibili e questa volta risultai abile.

Quando al tetto arrivò la cartolina di chiamata, io ero in Francia con i David, i miei genitori quindi me la inoltrarono lì.

Sopra stava scritto che dovevo presentarmi il tal giorno al Distretto Militare di Cuneo.

Non passò molto tempo che la data arrivò. Mi recai nel luogo indicato e nel giro di alcune ore passai a Mondovì per la vestizione.

Dovevo fare l’alpino.

La vestizione si svolse a Mondovì Piazza in una grande caserma degli alpini molto affollata, piena di giovani come me che arrivavano un po’ da tutta l’Italia.

Proprio in quella occasione incontrai un ragazzo proveniente anche lui dalla mia zona, un certo Letu d’Brin.

In realtà, Letu, non lo conoscevo, ma mentre formavamo le file per ricevere i vari pezzi della divisa, dove da una parte c’era chi ti dava le camicie e dall’altra chi ti dava i pantaloni o le scarpe, ad un certo punto sentii pronunciare le sue generalità e capii che eravamo della stessa zona.

Gli chiesi: “Di dove sei?”. Lui mi rispose: “Di Limone, frazione Panice!”. Io gli dissi che ero di Vernante e per quel giorno ci facemmo un po’ di compagnia.

Fu la prima persona della valle che incontrai.

All’epoca però, non conoscevo praticamente nessuno dei giovani di Vernante, né tanto meno quelli di Limone o di Robilante.

Sarà che dai quattordici anni in poi sono sempre stato coi malgari, lontano da casa, dalla mia famiglia e dalle amicizie del paese, ragion per cui iniziai a conoscere i miei coetanei proprio durante il servizio militare.

Durante la vestizione, alcune taglie già iniziavano a scarseggiare, era una vera e propria corsa agli indumenti.

Quello che ti mancava o che per scarsità di misure non ti andava, lo prendevi da un altro e le tecniche erano le più varie, dall’intrattenimento con discorsi dissuasivi, alla minaccia con la forza di chi era più grande e grosso di te e cose di questo genere.

Per mia fortuna io conoscevo il magazziniere, un certo Morena di Limone, figlio dell’allora messo comunale che abitava vicino al peso pubblico e così riuscii a farmi mettere da parte qualche indumento della mia misura.

Già da questi semplici episodi si capiva che l’Italia era impreparata per affrontare una guerra, ma purtroppo ce n’accorgemmo tutti più tardi.

A Mondovì all’epoca, funzionava ancora la vecchia funicolare che portava da Breo a Piazza. La presi solo alcune volte perché andavamo spesso a piedi, ma ricordo che una volta arrivati in cima partivano quattro strade: una prendeva a sinistra verso il Belvedere, una a destra in direzione Frabosa, un’altra arrivava da sotto ed era quella da cui sbucavo quando si andava a piedi, mentre la strada che appariva di fronte era quella che portava dritti alla caserma.

All’inizio mi destinarono al Btg. Valle Ellero, che accoglieva, oltre ai normali richiamati abili di prima, anche chi come me era stato rivedibile più volte e più tardi, pare addirittura per il richiamo dei riformati.

Eravamo nel ‘38, la guerra in Europa sarebbe scoppiata l’anno dopo, ma c’erano già tutti i presupposti ben evidenti, l’Italia si sarebbe dichiarata non belligerante, ma qualcuno già subodorava il nostro impiego nel conflitto che ormai si percepiva imminente.

Il Btg. Valle Ellero, credo fu creato ad hoc per meglio gestire il gran numero di giovani in partenza per la naia.

Migliu del Martinet, un ragazzo di Vernante della mia stessa età, ma che partì un anno e mezzo prima di me perché abile alla prima visita, se ne andò in congedo quando io iniziai. Ci salutammo.

Poco più tardi dal Btg. Valle Ellero passai in forza alla decima compagnia del Btg. Mondovì, 1° reggimento alpino.

occitan

Dins lhi ans trenta, chasque jove mascle qu’avia acomplit lhi dètz-e-uech ans, avia l’òblig de participar ai cors premilitars que eren de preparacion al servici militar ver e pròpi.

Arribat a lhi miei dètz-e-uech ans, truchec decò a mi.

Per nosautri lhi cors se debanaven a S.Dalmaç de Tenda, ente anero un bòt a la setmana per una man de mes.

Pus tard foguero chamat a la vísita e per dui ans resultero revisible perqué aviu l’èrnia engüinala, mas dal moment que me donava gena e embe l’èrnia poliu pas nimanc pus far lhi trabalhs normals de tuiti lhi jorns, decidero de me far operar e com aquò foguec.

Me opereren a lo vielh ospital de Coni. En aquilhi temps era tot a pagament, daus que l’assistença era just al començament e la pus gròssa part de la populacion l’avia pas, donca mi parents pagueren de sacòcha totas las espesas medicalas deguas, mas cercheren de pas lo far saber tròp en vir per evitar lo mormoriar di vesins, que nos aurien cregut plens de sòuds.

Quora arribero da l’ospital restero qualque jorn a repaus, mas just après tornero a far mon trabalh de garçon.

Al regard dal servici militar esperavo que me chamessen pus, mas m’embruelhavo, après pauc de temp rechameren lhi revisibles e aquest bòt foguero judicat àbil.

Quora al teit arribec la cartolina, iu ero en França embe lhi David, mi parents donca me la faseren arrubar aquí.

Dessús la lhi era escrit que me deviu presentar lo tal jorn a lo Distrect Militar de Coni.

Passec gaire de temp que la data arribec. Anero ental luec indicat e dins lo vir de na man d’oras passero a Mondvì per la vesticion.

Deviu far l’alpin.

La vesticion se debanec a Mondvì Plaça dins na granda casèrna de lhi alpins plena borraa, la lhi avia un baron de joves coma mi que arribaven un pauc da tota l’Itàlia.

Pròpi ent’aquela ocasion encontrero un filh que venia decò ele da mon cant, un cèrt Leto d’Brin.

En realitat, Leto, lo conoissiu pas, mas entant que formaviam las filas per recéber lhi divèrs tòcs de la divisa, ente da un cant lhi avia qui te donava las chamisas e da l’autre qui te donava las braias o lhi chauciers, d’un crep auvero prononciar sas generalitat e capiero qu’eriam de la mesma zòna.

Lhi demandero: “D’ente sies?”. Ele me respondec: “De Limon, fraccion Panitz!”. Iu lhi disero que ero dal Vernant e per aquel jorn nos fasérem un pauc de companhia.

Foguec la premiera persona de la valada que encontrero.

Mas a l’època, conoissiu practicament pas degun di joves dal Vernant, ni tant menc aquilhi de Limon o de Robilant.

Serè que dai catòrze ans en anant ero totjorn estat abo lhi marguiers, luenh da maison, da ma familha e da las amistats dal país, pr’aquò començero a conóisser mi coscrits pròpi al servici militar.

Durant la vesticion, qualquas talhas já tacaven a escarsejar, era na vera e pròpria corsa a las vestimentas.

Aquò que te mancava o que per escarsessa de mesuras t’anava ren, lo pilhaves da n’autre e las manieras eren las pus diferentas, da l’entreteniment embe discors per distraire, a la menaça embe la fòrça de qui era mai grand e gròs de tu e causas d’aqueste tipe.

Per bonaür iu conoissiu lo magazinier, un cèrt Morena de Limon, filh de l’alora messo comunal que istava da cant al pes públic e com aquò arrubero a me far butar da part qualquaren de ma mesura.

Já d’aquisti simples episòdis se comprenia que l’Itàlia era pas apareaa per afrontar na guèrra, mas malaürosament se n’apercebérem tuiti mai tard.

A Mondvì a l’època, marchava encara la vielha funicolara que portava da Breo a Plaça. La pilhero masque na man de viras perqué anaviam sovent a pè, mas enaviso que na vira arrubats a la poncha partien quatre charrieras: una prenia a manchina vèrs lo Belvedere, una a dreita en direccion Frabosa, un’autra arribava dessot e l’era aquela da la qual sautavo fòra quora s’anava a pè, dal temp que la via que pareissia de frònt era aquela que portava dreit a la casèrna.

Al començament me destineren al Btg. Val Ellero, que aculhia, en pus di normals rechamats àbils de prima, decò qui coma mi era estat revisible mai de bots e la semelha que pus tard, aie ospitat decò lhi reformats rechamats.

Eriam dins lo ‘38, la guèrra en Euròpa seria esclopaa l’an d’après, mas lhi avia já tuiti lhi senhals ben evidents, l’Itàlia se seria declaraa pas combatenta, mas qualqu’un já nuflava nòstre engatge dins la batalha que de bèl avant se percebia imminenta.

Lo Btg. Val Ellero, creo foguec fait expressament per mielh gerir lo gròs numre de joves en partença per la nàia.

Milho dal Martinet, un filh de Vernant de ma lèva, mas que partec un an e metz denant de iu perqué àbil de prima, se n’anec en conget quora iu començero. Nos saludérem.

Pauc pus tard dal Btg. Val Ellero passero en fòrça a la desena companhia dal Btg. Mondvì, 1° regiment alpins.